Riprendono i lavori di bonifica dell’ex ospedale del Lido

Il Comune si occuperà di ricollocare terreni puliti nelle aree in cui erano stati rimossi quelli inquinati. L'operazione costa 1 milione, successivamente saranno avviati i cantieri del nuovo resort

La giunta veneziana ha approvato la "variante al progetto operativo di bonifica dell’area dell’ex ospedale al Mare al Lido", atto che permetterà di riprendere e completare le bonifiche dei terreni che il Comune si è impegnato ad eseguire nel contratto di vendita dell’area a Cassa depositi e prestiti (lì sorgerà un doppio resort). I lavori del I° stralcio erano stati conclusi nel 2014 e in seguito è stato deciso di attuare, attraverso Veritas S.p.A., un secondo lotto di lavori: in pratica, si effettuerà la «ricollocazione in sito di terreni certificati nelle aree dove erano stati rimossi e smaltiti i terreni superficiali interessati dagli inquinanti» (costo dell'operazione: 1.116.500 euro). In questo modo, sulle superfici in questione, si potrà attuare il progetto di riqualificazione tanto atteso.

Il sindaco Brugnaro e l'assessore De Martin hanno ricordato che la riconversione dell'ex ospedale al Mare «non solo rispetterà il sistema delle dune favorendo la ri-naturalizzazione del territorio, come già previsto nel piano degli arenili, ma porterà anche nuova occupazione, con 500 posti stabili a regime e manterrà la parte del distretto sanitario, un elemento essenziale ed indispensabile per residenti e visitatori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché Venezia era piena di gatti?

Torna su
VeneziaToday è in caricamento