rotate-mobile
Attualità

Oltre 40 mila buste d'insalata per il restauro del tappeto Ushak

Il recupero del capolavoro dell’arte tessile è stato realizzato dal Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale con la collaborazione tra pubblico e privato che ha coinvolto la direzione regionale Musei Veneto, Gli Orti di Venezia e Nova Coop

Ci sono voluti sei mesi di lavoro e la vendita di oltre 40 mila buste di insalata per realizzare il restauro del tappeto Ushak a medaglione del XVII secolo proveniente dal prezioso nucleo di quattordici tappeti orientali della collezione Franchetti della Ca’ d’Oro di Venezia. Il recupero e restauro conservativo di questo capolavoro dell’arte tessile è stato realizzato dal Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale, e ha visto per la prima volta una virtuosa collaborazione tra pubblico e privato che ha coinvolto, oltre al Centro, la direzione regionale Musei Veneto, il produttore di insalate in busta Gli Orti di Venezia e Nova Coop.

Con un’azione condivisa tra tutti i partner di progetto, parallelamente al recupero del manufatto è stata portata avanti anche un’attenta attività di documentazione e comunicazione attraverso i mezzi digitali, con l’obiettivo di raccontare, passaggio dopo passaggio, le diverse fasi dell’intervento e le molte soluzioni tecniche adottate dalle restauratrici del Laboratorio di manufatti tessili del Centro. Giunto nei laboratori di restauro di Venaria nel mese di agosto 2020, questo preziosissimo manufatto è stato affidato al Laboratorio Manufatti Tessili ed è diventato caso di studio per gli studenti del corso di laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell’Università degli studi di Torino e banco di prova per due giovani restauratrici neolaureate del percorso formativo sui manufatti tessili.

Al restauro hanno contribuito tutte le diverse anime del Centro di Venaria: restauratori insieme a chimici e storici dell’arte hanno definito un approccio metodologico che rispettasse le vicende conservative del tappeto e seguisse da una parte un metodo integrativo con la ricostruzione della materia tessile nelle piccole porzioni lacunose, ritessute con filati in lana tinti in accordo con l’originale, e dall’altra parte un metodo conservativo delle ampie e diffuse aree che erano già state oggetto di ritessitura in passato e che si mostravano fortemente degradate. Il restauro del tappeto Ushak a medaglione delle raccolte della Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro è il capitolo conclusivo di Trame di un viaggio tra Veneto e Piemonte, progetto avviato nel 2019 tra Gli Orti di Venezia e l’allora Polo Museale del Veneto per il restauro e la valorizzazione di un importante manufatto tessile, a sua volta parte di una più ampia iniziativa di valorizzazione del nucleo di tappeti della collezione Franchetti avviata dal Museo nel 2017. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 40 mila buste d'insalata per il restauro del tappeto Ushak

VeneziaToday è in caricamento