Bimba di 6 anni cade e si frattura la falange della mano, le insegnanti non fanno nulla

L'episodio è successo l'anno scorso, ora la famiglia grazie al supporto di Adico è stata risarcita dall'istituto per 2500 euro. La bimba sottoposta ad intervento

Era caduta nell’area giochi della scuola, procurandosi una dolorosissima lesione al pollice della mano destra. E, dopo l’incidente avvenuto in un momento in cui nessun adulto stava vigilando sui bambini, la piccola di 6 anni era rimasta in classe dolorante per quasi due ore, fino all’arrivo della madre che prima non era stata messa al corrente di nulla. Ora, a distanza di quasi un anno da quell’episodio, l'istituto risarcirà i genitori con circa 2mila e 500 euro, dopo l’intervento dell’ufficio legale dell’Adico a cui il padre e la madre si sono rivolti anche per contestare il comportamento della scuola in questa delicatissima situazione.

L'episodio l'anno scorso

Molti, infatti, sono gli aspetti inquietanti della vicenda e tutti legati alla totale sottovalutazione dell’episodio da parte di chi di competenza. L’infortunio è avvenuto il 4 aprile del 2017. Verso le 13 la bimba, mentre si trovava nell’area giochi della scuola, è caduta appoggiandosi a terra con le mani e procurandosi un fortissimo dolore alla mano. Per circa due ore dopo l’incidente la piccola è rimasta in disparte dolorante. Quando la madre è venuta a prenderla, si è resa subito conto del problema e ha portato la figlia all’ospedale civile di Venezia dove il medico le ha riscontrato la frattura scomposta della prima falange del pollice e l’ha ricoverata subito per sottoporla a un intervento chirurgico. Ancora oggi la piccola si sottopone con regolarità alle terapie e ai controlli medici per sondare la funzionalità dell’arto.

Il risarcimento

"Il nostro ufficio legale ha chiesto l’apertura del sinistro all’assicurazione della scuola - spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico - e ora, dopo vari contatti, si è giunti a un punto di incontro con il riconoscimento di un risarcimento che si avvicina ai 2.500 euro. Fino all’ultimo, però, i genitori stavano valutando la possibilità di fare causa all’istituto per un motivo preciso: il disinteresse e la sottovalutazione dell’episodio da parte delle responsabili della scuola".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Schianto tra un'auto e uno scooter, morto un 17enne

  • Zaia contro il Dpcm: «Posso spostarmi in una metropoli e non tra Comuni con meno di 5mila abitanti»

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 2 dicembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

  • Schianto in moto, morto un uomo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento