menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Acqua alta

Acqua alta

Accordi per studiare i cambiamenti climatici: «Fondamentale la comunicazione»

«Aumenta la frequenza con cui si manifestano le acque alte atipiche in laguna, servono nuovi modelli e strumenti per informare anche sull'incertezza»

Partono le collaborazioni scientifiche tra il Centro Maree del Comune di Venezia, due istituti del Cnr, e l'associazione We are here Venice per lo studio e il monitoraggio dei cambiamenti climatici. La giunta ha approvato nuovi accordi, tra gli altri, con l'istituto di Scienze Polari e l'istituto di Bioeconomia (ex istituto di Biometeorologia), e con il dipartimento di Ingegneria civile, edile e ambientale dell'Università di Padova.

Le maree e la laguna

«Negli ultimi anni molte cose sono cambiate, anche la fenomenologia degli eventi mareali: molto diversa dagli anni passati. Diversi sono anche gli apparati tecnologici, i mezzi di diffusione mediatica, fino al tessuto sociale e produttivo della città - spiega Alvise Papa, responsabile del centro Previsioni e Segnalazioni Maree del Comune di Venezia - Sotto gli occhi di tutti l’aumento della frequenza delle alte maree atipiche: il ricordo dell’evento del 28 ottobre 2018 è ancora fresco».

La comunicazione

«È necessario - continua Papa - comprendere sempre meglio la portata delle modificazioni in atto dei parametri meteorologici e anche dei parametri marini per poter avanzare nella conoscenza e adeguare la modellistica previsionale alle mutate condizioni ambientali. Gli accordi sottoscritti ora vanno ad aggiungere ulteriori preziosi tasselli. Il tema della comunicazione delle previsioni meteo-marine e della comunicazione della loro incertezza è di questi tempi uno dei temi fondamentali che sta cercando di affrontare la protezione civile nazionale, anche da un punto di vista normativo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento