rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Attualità Mestre Centro / Via Palazzo

Il vicesindaco Tomaello alla campagna per sensibilizzare al vaccino anti Covid

Sostenuta dagli atleti delle società sportive veneziane. «Se un ragazzo vede un suo idolo che si vaccina, sarà più propenso a fare altrettanto. Siamo a buon punto per tornare verso una vita il più possibile normale, non possiamo fermarci ora»

«Un amministratore locale ha il dovere di responsabilizzare la cittadinanza al fine di adottare comportamenti che riteniamo giusti. L'assessorato allo Sport e alle Politiche giovanili ha deciso di fare una campagna di sensibilizzazione alla salute e al vaccino, in collaborazione con la Ulss 3, coinvolgendo gli sportivi locali delle principali squadre della città perché crediamo che, se un ragazzo vede un suo idolo che si vaccina, sarà più propenso a fare altrettanto. Siamo a buon punto per tornare verso una vita il più possibile normale, ma non possiamo fermarci ora e dobbiamo proseguire su questa strada». Così il vicesindaco di Venezia Andrea Tomaello che con Ulss 3 ha presentato stamattina, 18 ottobre, l'iniziativa "Vinciamo assieme!" al Municipio di Mestre. Con il vicesindaco (con delega allo Sport e alle Politiche giovanili), il direttore dei servizi socio-sanitari della Ulss 3 Massimo Zuin e il capo del Servizio igiene e sanità pubblica (Sisp) della stessa azienda sanitaria, Vittorio Selle.

«Un anno fa discutevamo ancora di lockdown e coprifuoco, mentre oggi si può andare allo stadio o nei palazzetti dello sport. Ciò grazie al lavoro eccezionale che la Ulss 3 ha fatto e continua a fare in questi mesi, come dimostrano i dati più recenti, ma in generale anche grazie alla scienza e al vaccino, che sta funzionando. Se tutti teniamo comportamenti responsabili, usciremo presto da questa situazione», ha continuato Tomaello, mentre gli atleti delle principali squadre sportive della città, dal Venezia Calcio alla Reyer, e i vincitori dell'ultima regata storica, hanno presenziato alla campagna a favore della vaccinazione contro il Covid-19. «Ringraziamo il vicesindaco per questa iniziativa e il Comune di Venezia al quale va il nostro plauso e supporto - ha detto Zuin - In questi mesi abbiamo lavorato insieme in sinergia. Non abbiamo molte armi oltre al vaccino per sconfiggere il Covid-19. Un esempio è quello delle case di riposo, dove grazie alla vaccinazione di massa gli anziani non muoiono più a causa del virus. Per questo motivo vanno fatti tutti gli sforzi possibili per aumentare la base vaccinale. Reclutare gli sportivi sul territorio - ha concluso Zuin - rientra perciò in questa ottica e si unisce a tutte le altre iniziative adottate».

«È positivo che il mondo dello sport si spenda per sostenere le vaccinazioni - il pensiero di Selle - Probabilmente questa scelta è dovuta anche al fatto che molti atleti sono stati contagiati dal virus, perché il Covid non fa sconti a nessuno. Noi in questi due anni abbiamo dato un supporto importante alle società sportive con tamponi, vaccinazioni, e ora apprezziamo l'impegno che loro mettono per promuovere il vaccino, uno strumento che funziona. La gente ha capito che facendoselo si può ricominciare a vivere». La campagna di sensibilizzazione sarà condotta sia in forma cartacea, attraverso affissioni negli spazi cittadini, sia sui canali social del Comune di Venezia e delle società sportive coinvolte. Non è da escludere che altri atleti e società sportive possano partecipare nelle prossime settimane. Questo l'elenco di squadre e atleti che hanno aderito finora: Austin Daye (Reyer Venezia maschile), Dario Sottovia (Mestre Calcio), Marco Modolo (Venezia FC), Rudi e Mattia Vignotto (campioni regata storica e regatant) Arsenije Stepanovic e Nicolò Ianuale (Basket Mestre), Alessandra Nencioni (Venezia FC femminile), Sara Madera (Reyer Venezia femminile).

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il vicesindaco Tomaello alla campagna per sensibilizzare al vaccino anti Covid

VeneziaToday è in caricamento