rotate-mobile
Attualità Mirano

Didattica e tecnologie sostenibili, ecco la Casa dell'energia del Levi-Ponti

È stata inaugurata nei giorni scorsi, realizzata nella cittadella scolastica di Mirano grazie ad un investimento totale di 1,2 milioni di euro

Sabato 28 maggio è stata una giornata importante per l'istituto Levi-Ponti di Mirano, che ha inaugurato il laboratorio polifunzionale "Casa dell'energia": un progetto del valore di 1,2 milioni di euro che ha visto cooperare le scuole, la Città metropolitana di Venezia, il Comune di Mirano, il ministero dell'Istruzione, l'Unione Europea, l'università Iuav, il Cnr di Padova e trentasei aziende sponsor.

L'idea della Casa dell’energia è nata nove anni fa da una proposta degli studenti: un edificio a bassissimo impatto ambientale che racchiude le migliori tecnologie in materia di efficienza energetica e che accoglie un laboratorio didattico-formativo rivolto sia ai ragazzi che alle imprese del settore. Un ambiente nel quale gli studenti avranno la possibilità di cimentarsi concretamente sui temi che stanno trasformando gli ambiti del mondo produttivo: così potranno applicare le competenze acquisite a scuola grazie a dotazioni innovative, trovandosi nelle condizioni ideali per prepararsi ai futuri percorsi universitari o professionali. La struttura è stata pensata, oltre che per sviluppare competenze in ambito scolastico, anche per mettere in condizione i cittadini di sapere quanta energia si consuma, dove e come viene impiegata. Visitandola, ad esempio, è possibile immaginare come si potrebbero adeguare i propri luoghi di vita e di lavoro per renderli più sostenibili ed economici.

«Oggi - dice la sindaca Maria Rosa Pavanello - Mirano e tutto il suo distretto scolastico vantano una peculiarità straordinaria, un patrimonio di innovazione, ricerca, formazione che ha pochi termini di paragone. Un riferimento di eccellenza per la sfida della transizione ecologica e del risparmio energetico. Ricordo, nove anni fa, la piccola cerimonia di avvio del cantiere. L’emozione e l’entusiasmo di tutti. Essere stata qui, oggi, a inaugurare il traguardo del percorso iniziato quel giorno è doppiamente gratificante. Da settembre questo grande e innovativo laboratorio dell'energia sarà a disposizione dei cittadini e delle scuole di ogni ordine e grado».

Il sindaco metropolitano Luigi Brugnaro ha ricordato: «I giovani, il loro futuro, la loro formazione sono la priorità a cui noi tutti dobbiamo dedicare gran parte dei nostri sforzi e del nostro tempo. Abbiamo il dovere di lasciare alle future generazioni un mondo migliore: un laboratorio come la Casa dell’energia va proprio in questa direzione ed è un orgoglio non solo per Mirano, ma per tutta la Città metropolitana. Grazie, dunque, per questo progetto e grazie ai partner che lo hanno reso possibile, dimostrando che pubblico e privato insieme possono creare forti collaborazioni per lo sviluppo del territorio».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Didattica e tecnologie sostenibili, ecco la Casa dell'energia del Levi-Ponti

VeneziaToday è in caricamento