Giovedì, 23 Settembre 2021
Attualità

Città e case più smart per gli anziani del Veneto

Boschetto (Confartigianato Imprese Veneto): «I sistemi domotici possono migliorare l'autonomia di anziani e disabili ma occorre indirizzarne e supportarne la cultura»

Gli over 65 in Veneto sono un milione122 mila (il 22,9% della popolazione). Quasi 347 mila gli ultra 80enni (7,0% della popolazione). Un indice di vecchiaia, il rapporto tra ultra 65enni under 15, che ha già assunto proporzioni notevoli: 172,1 e dovrebbe raggiungere un valore pari a 282,1 nel 2049. Una aspettativa di vita che si allunga ma i dati epidemiologici riportano che in media le persone anziane, proprio per questo, convivono sempre per più anni con patologie che possono minare l’autonomia e causare situazioni di fragilità.

Se oggi per ogni 10 under 15 abbiamo “15 anziani” tra trent’anni avremo quasi 30 anziani per ogni dieci ragazzi. Una “popolazione” questa, a maggiore rischio di infortuni. In Veneto circa 7mila ricoveri causati da incidenti domestici all’anno riguardano persone con oltre 75 anni di età (il 50% circa dei ricoveri da incidente domestico). «Questi dati fotografano una situazione allarmante che, alla lunga, minerà il nostro sistema di welfare. Per questo è necessario rafforzare i meccanismi di sostegno alla famiglia e investire sui servizi ma non solo», dicono da Confartigianato Imprese Veneto. 

La tecnologia sta già mettendo a disposizione sistemi che consentirebbero di rendere l’abitazione e gli ambienti di vita “intelligenti”, cioè in grado di adattarsi progressivamente alle esigenze di chi li fruisce. Da qui un importante progetto sui versanti sia della domanda che dell’offerta, che vede collaborare Confartigianato Imprese Veneto, ANAP Veneto, l’associazione dei pensionati artigiani, e le categorie del Sistema Casa (edili, installatori e legno) per avere città e case più smart. NostraDomus - finanziato da EBAV - lavorerà in modo inclusivo e trasversale nell’affrontare le diverse sfaccettature dell’invecchiamento tra le mura domestiche e generare ricadute su più livelli nell’Associazione e nel territorio.

Ad annunciarlo Roberto Boschetto, presidente di Confartigianato Imprese Veneto che afferma: “Abbiamo la grande occasione di intercettare le opportunità date dai finanziamenti. Il ricorso alla domotica può essere una delle soluzioni e facilitare la vita delle persone soprattutto nell’ambito della rilevazione e segnalazione di intrusioni, nel controllo domestico e per l’ausilio alla mobilità e vita quotidiana per persone anziane e/o con disabilità».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città e case più smart per gli anziani del Veneto

VeneziaToday è in caricamento