Una nuova centrale termica per il centro sportivo “Costantino Reyer” di Sant’Alvise

Nel centro sportivo “Costantino Reyer” di Sant’Alvise, a Venezia, sarà realizzata una nuova centrale termica. Il progetto, approvato dalla giunta veneziana, prevede di rinnovare la centrale a servizio del centro sportivo con un impianto che possa garantire affidabilità di funzionamento, modulazione di potenza in funzione delle reali richieste, aumento del rendimento con sensibili risparmi di combustibile e di emissioni inquinanti in atmosfera.

L'intervento

L’intervento prevede la completa ristrutturazione della centrale termica del centro sportivo, che oggi ospita due distinti impianti: uno a servizio della palestra e l’altro a servizio della piscina. Sono composti da due generatori ciascuno, ormai vetusti e malfunzionanti. Entrambi verranno sostituiti con nuovi generatori a condensazione. I nuovi generatori di calore saranno in grado di modulare la potenza in funzione delle reali richieste, aumentando il rendimento. L’importo complessivo dell’intervento è di 350mila euro. La fase esecutiva sarà concordata con i gestori  dell'impianto in modo da arrecare meno disagio possibile all'utenza

Per l'assessore ai Lavori Pubblici Francesca Zaccariotto è la dimostrazione «che lo sport è una priorità di questa amministrazione, e questo ci è stato riconosciuto anche da una recente indagine del Sole 24 Ore sull'indice di sportività delle città italiane nel quale emerge che Venezia è al diciannovesimo posto nelle 107 province d'Italia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Schianto tra un'auto e uno scooter, morto un 17enne

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Zaia contro il Dpcm: «Posso spostarmi in una metropoli e non tra Comuni con meno di 5mila abitanti»

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 2 dicembre 2020, le previsioni segno per segno

Torna su
VeneziaToday è in caricamento