Mercoledì, 12 Maggio 2021
Attualità

Centri estivi, il Comune raccoglie manifestazioni d'interesse per organizzarli

Alcune scuole messe a disposizione a titolo gratuito dal Comune con la fornitura di energia e acqua. Besio: «A condizione che ci si attenga a tariffe che reputiamo alla portata delle famiglie».

Centri estivi comunali per i bambini dell'infanzia e della primaria affidati ad associazioni del territorio che abbiano dimostrato nel corso degli anni di condurre iniziative qualificate di animazione. La giunta comunale ha approvato la proposta dell'assessore alle Politiche educative Laura Besio per l'acquisizione delle manifestazioni di interesse al fine di organizzare le attività per i piccoli in alcune scuole messe a disposizione a titolo gratuito dal Comune. 

Accanto a inziative autonome che avviano un centro estivo nelle proprie strutture (scuole private, parrocchie) infatti, ci sono associazioni e operatori che non possiedono spazi propri e scelgono di svolgere l'attività su siti comunali con il vincolo di rispettare le tariffe definite dall'ente locale. «Procederemo in questi giorni - spiega Besio - a pubblicare un avviso per la messa a disposizione di strutture del Comune con la fornitura energetica e di acqua. Chiediamo in cambio che gli interessati, nell'erogazione del servizio estivo in queste sedi, ci si attengano a tariffe che reputiamo alla portata delle famiglie». A titolo esemplificativo la quota settimanale a bimbo è pari a 60 euro, quindicinale 110 euro, per ogni fratello prevede alcune riduzioni. Il servizio di ristorazione scolastica sarà fornito da Ames spa con un costo pari a 4 euro per bimbi da 3 a 6 anni e 4,25 euro per bimbi sopra i 6 anni.

«Guardiamo a scuole e centri estivi, nel loro valore di servizio alla famiglia con attenzione, perché se ripartono costituiscono un volano per tutta la città. Centri estivi che saranno soprattutto occasione per i bambini di poter socializzare e stare assieme. Siamo ottimisti e fiduciosi. E a confermarci la volontà di ripartenza della città – continua l’assessore - sono i continui ritorni che ci giungono dalle realtà interessate a svolgere centri estivi a vario titolo sia private che parrocchiali e associative: ricordo infatti che fino a venerdì 30 aprile è possibile rappresentarci la volontà di svolgere un centro estivo o grest da giugno a settembre». Il link è al bottone "Censimento Centri Estivi" presente sulla homepage del Comune (sotto l'assessore alle Politiche educative Laura Besio).

Laura Besio-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centri estivi, il Comune raccoglie manifestazioni d'interesse per organizzarli

VeneziaToday è in caricamento