Riapertura dei centri estivi, anche per la Uil non ci sono le condizioni

Il segretario Fpl Ragno: «Nessuna reale socialità per i piccoli. Il personale può essere impiegato solo su base volontaria. Doveroso confrontarci». Cgil: «Rispettare il progetto educativo: scuole non parcheggi»

Centri estivi, archivio

Servizi educativi 0-6: dopo la Funzione Pubblica Cgil anche Uil Fpl, con il segretario provinciale Mario Ragno, interviene sulla loro ripresa. I centri estivi, come annunciato dal governatore del Veneto Luca Zaia oggi, sabato 23 maggio, riaprono i battenti dal primo giugno, per la fascia da 0 a 17 anni. La prossima settimana invece ripartono parchi divertimenti e zoo. «Capisco che c’è la preoccupazione per le famiglie che devono andare a lavorare, capisco le spinte di tutto quel mondo della scuola privata e di chi ci lavora dentro, che ha paura di ritrovarsi a casa per sempre, ma faccio fatica a capire che, anche questa volta, dei bambini e del personale che ci ruota attorno non frega nulla a nessuno», afferma Ragno.

La socialità dei piccoli

Le indicazioni guida della Regione Veneto, sul lato pratico, non sono, per il sindacalista «fattibili e sicure - basta mettersi - nei panni di un bimbo, abituato ad arrivare all’asilo con la sua mamma, trovarsi all’accettazione con tanti altri bimbi come lui, con l’ausiliaria o la maestra festose che lo accompagnano a manina o in braccio, incontrarsi con gli amichetti: baci, abbracci, litigi, coccole. E le mamme, divise per piccoli gruppi arriveranno adesso senza poter entrare, a consegnano loro bimbo, che verrà subito spogliato e rivestito e non potrà condividere lo spazio con gli altri piccoli se non quelli del suo gruppo, e se piange e si dispera non potrà essere preso in braccio. Ma questo è socializzare? Ritrovare gli amichetti? Di fatto questa è prigionia per i bimbi», afferma il sindacalista.

Il personale

«Capisco che finché non troveranno un vaccino o una cura, il virus sarà sempre con noi, ma se continueremo ad avere comportamenti virtuosi arriveremo presto a "contagio zero" e i servizi andranno riaperti», ritiene Ragno. Sui centri estivi il decreto Rilancio prevede dal 15 giugno la possibilità di aperture per attività ludiche, e il servizio 0-3, che Zaia fa ripartire a livello regionale, sul piano nazionale non è previsto. «Negli spazi comunali - ricorda Ragno - non c'è la possibilità di impiegare personale comunale se non su base volontaria, previo accordo sindacale. Credo - conclude rivolgendosi all'Amministrazione - sia doveroso confrontarci nell’interesse generale di tutti. In caso contrario, cioè di apertura dei servizi a giugno, sarò costretto ad attivare tutte le forme di tutela per il personale, compreso le vie legali».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Porgetto educativo

«Apprendiamo con sconcerto che la Regione Veneto sta valutando di aprire i servizi educativi per concludere questo anno scolastico, ci pare una scelta improntata alla campagna elettorale in arrivo - dice Daniele Giordano segretario Fp Cgil - Centri estivi e attività ricreative pur essendo svolti all’aperto non sono comunque esenti da rischi per la salute dei bambini, delle educatrici, delle insegnanti e del personale ausiliario.
Siamo consapevoli che dopo tre mesi serva ai bambini ritrovare momenti di socialità. Non ci sfugge nemmeno che la chiusura dei servizi educativi sta pesando, a causa delle mancanze del governo, quasi interamente sulle donne. Equiparare però il progetto educativo alle attività ricreative è umiliante per tutto il personale che opera nelle scuole. L’attività didattica, specialmente nella fascia 0-3 anni, è fondata sul contatto e sul legame tra bambini e educatrici e non può in alcun modo essere equiparata a una semplice attività ludica. La Regione sappia che ci opporremo valutando forme di mobilitazione a riaperture che non garantiscono la salute delle lavoratrici e cancellano il valore educativo delle scuole».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Il Mose evita l'acqua alta a Venezia. Venerdì previsti altri 130 centimetri

  • Coronavirus, i numeri di oggi in Veneto e provincia di Venezia

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento