menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mafia: a Dolo apre un centro studi e documentazione sulla criminalità organizzata

Ogni sei mesi produrrà un report sulle mafie nel Veneto e organizzerà incontri di formazione

Sarà presto operativo, a Dolo, un centro studi e documentazione sulla criminalità organizzata che conterà sull'apporto di Maurizio Dianese, giornalista e autore delle inchieste sulla banda di Felice Maniero. A dirigerlo sarà Gianni Belloni, responsabile fino a due anni fa dell'Osservatorio sulla legalità del Comune di Venezia. Sede individuata, quale luogo simbolico: gli spazi dell’ex Tribunale. Il Comune, quest’anno, celebra il 21 marzo - primo giorno di primavera, individuato dall’associazione ‘Libera’ quale Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie - con l’annuncio di un'imminente inaugurazione.

La mafia in Veneto

«Un Osservatorio puntuale - spiega il sindaco Alberto Polo - che ogni sei mesi produrrà un report sulle mafie nel Veneto e organizzerà incontri di formazione per studenti, amministratori pubblici, cittadini. Saranno coinvolte, naturalmente oltre a Libera, Legambiente e l'Università di Venezia, con la professoressa Laura Fregolent. Collaboreranno il magistrato Francesco Saverio Pavone, il funzionario della Polizia di Stato Antonio Palmosi e poi carabinieri e finanzieri, avvocati e scrittori». Nell’ultima relazione della Direzione nazionale antimafia l’analisi dei magistrati lascia spazio a preoccupanti riflessioni. Si legge, infatti, che la sempre più significativa operatività in Veneto di gruppi criminosi originari del sud Italia tende a diventare sempre più stabile. E alcune inchieste hanno portato alla luce realtà finora soltanto immaginate. Le mafie stanno investendo massicciamente nel Nord Italia. Nel Veneto si stima che i ricavi di tutte le attività illegali si aggirino sui due miliardi di euro all’anno. Si va dallo sfruttamento sessuale – un giro di affari di 400 milioni di euro nel solo Veneto – alle armi, ai trattamenti illeciti di rifiuti tossici.

«Alzare la guardia»

«Lo sforzo compiuto dalla nostra amministrazione per la riapertura del giudice di pace, oltre a garantire un servizio fondamentale per le imprese e i cittadini, ha rappresentato il ritorno di un presidio di legalità e giustizia in un territorio, purtroppo, tristemente noto - dice l'assessore agli affari legali Giorgia Maschera -. L’apertura del centro studi va a rafforzare, in un momento nel quale anche vicino a noi è necessario alzare la guardia, la vocazione di questa Amministrazione: no alle mafie, no al malaffare, no alle scorciatoie».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento