Coldiretti preoccupata, la siccità mette a rischio le colture a seminativo

L'allarme riguarda nello specifico il raccolto di frumento, orzo e barbabietola

Coldiretti annuncia l'allarme siccità che rischia di mettere a repentaglio il raccolto delle colture a seminativo. Il caldo e la mancanza di pioggia in un inverno anomalo, infatti, mettono in difficoltà la campagna e in particolare i cereali vernini, quelli seminati in autunno come l’orzo e il frumento che rischiano di andare in forte stress e non irrobustirsi a dovere. Lo stesso problema è riscontrato sulla barbabietola, seminata a febbraio le cui piante si seccano a causa del vento e il terreno sempre più secco.

«Siamo fermi anche con la semina del mais - spiega Andrea Pegoraro cerealicoltore presidente di Coldiretti Portogruaro- a breve non sono previste piogge, il terreno non può nemmeno essere irrigato perché rischierebbe di compattarsi maggiormente portando all’asfissia la pianta».

Si tratta di un allarme sugli effetti dell’andamento climatico che rischia di lasciare il nostro paese a secco in un 2020 segnato da -80% precipitazioni e una temperatura superiore di 1,87 gradi la media storica secondo le elaborazioni su dati Ispra relativi ai mesi scorsi.

«La siccità – precisa la Coldiretti – è diventata l’evento avverso più rilevante per l’agricoltura con i fenomeni estremi che hanno provocato in Italia danni alla produzione agricola nazionale, alle strutture e alle infrastrutture per un totale pari a più di 14 miliardi di euro nel corso di un decennio. In un Paese comunque piovoso come l’Italia che per carenze infrastrutturali trattiene solo l’11% dell’acqua, occorre un cambio di passo nell’attività di prevenzione».

Per evitre di dover costantemente rincorrere l'emergenza con interventi strutturali il suggerimento del presidente di Coldiretti Venezia, Andrea Colla, è la realizzazione di piccole opere di contrasto al rischio idrogeologico dalla sistemazione e pulizia straordinaria degli argini dei fiumi ai progetti di ingegneria naturalistica. Allo stesso tempo, però, propone anche un piano infrastrutturale con la creazione di piccoli invasi che raccolgano tutta l’acqua piovana che va perduta e la distribuiscano quando ce n’è poca ai fini di regimazione della acque, irrigui, ambientali e dell’accumulo/produzione di energia idroelettrica.

C'è bisogno di interventi di interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque, campagne di informazione ed educazione sull’uso corretto dell’acqua, un impegno per la diffusione di sistemi di irrigazione a basso consumo, ma anche ricerca e innovazione per lo sviluppo di coltivazioni a basso fabbisogno idrico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Vishing, la truffa che "svuota" il conto corrente: tre denunce

  • Coppia di turisti aggredita e picchiata da una baby gang a Campo Santa Margherita

  • Un festival del cicchetto a Mestre: «Tradizione gastronomica, offerta turistica di qualità»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento