L'arte non si ferma. La Collezione Peggy Guggenheim continua a educare a distanza

Va avanti la mission del museo con la diffusione di contenuti educativi sui principali canali social

Né arte, né bellezza devono fermarsi. È questa la mission che la Collezione Peggy Guggenheim ha scelto di portare avanti nonostante la chiusura della struttura fino al 3 aprile. Sui principali canali social del museo saranno, infatti, diffusi contenuti educativi per un pubblico che ama l'arte o che vuole, in questo delicato momento storico, avvicinarsi a questo mondo e scoprire qualcosa di nuovo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Verranno messe a disposizione di tutti presentazioni virtuali attraverso i canali Facebook, Instagram, Twitter, LinkedIn dedicate alla vita di Peggy Guggenheim e ad alcuni capolavori della sua collezione. A prendere la parola sarà lo stesso staff e i tirocinanti del museo che restituiranno, attraverso immagini sempre originali e creative, il loro punto di vista sulla Collezione con brevi approfondimenti su aspetti meno noti delle opere esposte, approfondimenti dedicati alla mostra temporanea Migrating Objects, e, anche qualche "Art Quiz", per mantenere viva l'attenzione del pubblico e mettere alla prova tutti quelli che sceglieranno di seguire questi creativi spunti di riflessione e apprendimento.
 
Attraverso l'hashtag #Iorestoacasa e #larteresiste la Collezione Peggy Guggenheim sceglie di portare l'arte l'arte direttamente nelle case delle persone con il desiderio di tornare al più presto alla normalità e riaprire la porte del museo a tutti coloro che amano l'arte e la bellezza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Tutte le Municipalità al centrodestra tranne Venezia: chi sono i nuovi presidenti

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento