Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Confindustria al nuovo governo: "Maggiori risorse per la formazione dei più giovani" VD

 

Il presidente di Confindustria Veneto, Matteo Zoppas: "Chiediamo una legge quadro che possa favorire la professionalizzazione dei giovani. Nella nostra regione comunque il livello è di eccellenza, su 55 premi in Italia 13 sono stati assegnati a noi". L'accento viene posto sull'Istruzione terziaria professionalizzante: la proposta di legge lanciata lunedì pomeriggio dalla sede di Confindustria al Vega di Marghera mira a trasformare gli Its in Smart Academy per avvicinarli alle esigenze non solo di chi si sta inserendo nel mondo del lavoro, ma anche delle imprese.

“Immagino le sette fondazioni Its Academy del Veneto come le stelle della costellazione dell’Orsa maggiore: sono i punti di riferimento del sistema tecnico superiore professionalizzante e diventeranno i perni dei futuri politecnici, di quei poli tecnico formativi che la Regione Veneto sta promuovendo da quest’anno per collegare la filiera formativa e la filiera produttiva dei territori. La Regione Veneto sta investendo molto su questa esperienza, vorremmo che anche lo Stato facesse la propria parte”. E’ quanto ha affermato l’assessore regionale alla Scuola Formazione e Lavoro, Elena Donazzan.

Gli Its, ribattezzati Academy per valorizzarne il valore formativo e professionalizzante alternativo alla laurea, esistono in Veneto da un decennio e si sono già qualificati come il miglior segmento formativo per indice di inserimento nel mondo del lavoro post- diploma: secondo le statistiche del Miur, oltre l’82 per cento degli allievi trova lavoro ad un anno dalla conclusione dei corsi, percentuale che supera il 90 per cento nelle fondazioni venete, in particolare negli indirizzi del turismo, della meccatronica e della moda. “Gli Its Academy sono il fiore all’occhiello del sistema formativo regionale, ma ancora poco conosciuti: scuola, università, centri per l’orientamento, categorie economiche e istituzioni devono fare di più perché il più delle volte famiglie, ragazzi e gli stessi insegnanti ne ignorano l’esistenza. Eppure il Veneto conta ben 7 fondazioni, premiate dai fondi aggiuntivi ministeriali per l’alta qualità del loro lavoro formativo”, ha ricordato l’assessore. 

795-2018 - forum nazionale Its-Academy-2

Dal 2011 a oggi il Veneto ha realizzato 105 corsi di formazione tecnica superiore, passando dai 6 corsi del biennio 2011-2013 agli attuali 32, che si concluderanno nel 2019, con 1400 studenti iscritti. I diplomati negli ITS-Academy del Veneto sono già un migliaio, e tutti inseriti nel mondo del lavoro. 
Le Academy del Veneto, che formano i super-tecnici richiesti dalle filiere del ‘made in Italy’, sono ai primi posti nella classifica nazionale curata da Indire per conto del Ministero dell’Istruzione: su 35 Fondazioni Its beneficiarie nel 2018 dei fondi premiali, ben 6 sono venete. E su un totale di 18 corsi veneti, ben 13 hanno meritato un supplemento di risorse nazionali per le migliori performances formative e di accesso al mondo del lavoro. 

La formula ‘vincente’ delle Academy sta nella profonda compenetrazione tra scuola e imprese: tutte le sette Fondazioni (Cosmo per la moda, Marco Polo per la portualità, Last per la logistica, Meccatronico di Vicenza, Red per l’edilizia e l’efficienza energetica, l’Istituto tecnico per il turismo di Jesolo-Bardolino-Asiago e l’Istituto tecnico agroalimentare di Conegliano) sono presiedute da un imprenditore, il 50% dei docenti proviene dalle imprese, almeno il 30 per cento delle ore curricolari si svolge in azienda. “La Regione Veneto investe quasi 4 milioni di euro l’anno del proprio bilancio per  sostenere le sette Academy – ha ricordato l’assessore – a differenza del ministero. Ma dobbiamo fare di più, visto che le imprese di Confindustria rilevano che nelle cinque filiere qualificanti del made in Italy mancano 300 mila tecnici”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento