La Coppa America torna in Arsenale: ricordi e futuro

Una mattina dedicata ai ricordi del Moro di Venezia e al futuro di Luna Rossa

Venezia e la Coppa America hanno un legame stretto: il ricordo del Moro di Venezia, che mostrava agli avversari il leone dipinto a poppa è indelebile, non sono nella città lagunare. Era il 1992 quando la Compagnia della Vela ha sfidato il San Diego Yacht Club: il Moro fu la prima sfida “latina” a vincere le regate di selezione, allora Louis Vuitton Cup e resta l’unico ad aver vinto una prova contro il defender. Non solo ricordi, al Salone nautico si è parlato anche di futuro della Coppa, della prossima edizione che sarà nell’estate australe del 2020/21 a Auckland Nuova Zelanda e dove parteciperà Luna Rossa, alla sua sesta sfida.  

Erano presenti i velisti Matteo Plazzi, uno tra i pochi  vincitori italiani del massimo trofeo (era a bordo di BMW Oracle) e Andrea Madaffari, velista e preparatore atletico del Moro di Venezia.  Davide Tagliapietra attuale progettista per il team Luna Rossa ha invece introdotto la tecnica che sarà protagonista a bordo delle barche della prossima edizione: monoscafi foiling di circa 23 metri con velocità di 30 nodi di bolina e 50 in poppa. Prestazioni che solo 15 anni fa sembravano impensabili e ora creano incertezza nello spettacolo. Corrado Scrascia ha rappresentato la Compagnia della Vela. Sette anni dopo l’Act che ha visto l’Arsenale aprirsi allo sport con una manifestazione che tutti i ricordano e che ha riempito le rive del Bacino di San Marco di pubblico la Coppa è tornata “a casa”, un po’ come sta facendo l’arte navale con l’esposizione del Salone Nautico Venezia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma ancora una volta l’Arsenale è stato protagonista, lo scenario ideale per tutto quanto è mare. Sullo sfondo della discussione il tema “uomini contro tecnologia”, ovvero perché sia così forte il ricordo di certe avventure come  quella Moro e forse meno quello di altre, che non erano partite con meno ambizioni. Nuovi ingredienti si affacciano alla scena: velocità soprattutto, tecnologia. Alla ricerca di "nuovi eroi" che sappiano invadere il mondo social la ricetta sembra antica: il valore della competizione con la adeguata comunicazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento