Dolo-Camin e accordo Moranzani, ora c'è il confronto con il territorio

Si è aperto il tavolo di coordinamento per l'attuazione dell'accordo siglato da Regione del Veneto e Terna, il 21 gennaio 2019, per il rilancio economico e sociale attraverso lo sviluppo delle infrastrutture elettriche, e che riguarda interventi straordinari per la sicurezza del sistema elettrico e sviluppo del territorio.

Il confronto

Terna collabora con la Regione e gli enti locali, con gli stakeholder e la popolazione, nella progettazione degli interventi elettrici sul territorio. Favorisce l’armonizzazione tra i piani di Terna e gli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica, si impegna nella risoluzione delle maggiori criticità della rete di trasmissione nazionale del Veneto. In particolare razionalizza la rete Venezia - Padova, mediante un riassetto tra le stazioni di Camin, Dolo, Malcontenta e Fusina. Nella prima riunione il tavolo di coordinamento ha avuto modo di affrontare tutti i temi facenti parte dell'accordo per definirne modalità e tempistiche di discussione. Nei prossimi giorni, infatti, è prevista l’attivazione dei tavoli tecnici tematici, ai quali faranno seguito momenti di confronto con il territorio.

I territori

«Dolo-Camin e l’accordo Moranzani - dice l’assessore regionale allo Sviluppo economico ed Energia, Roberto Marcato - sono elementi di sviluppo per il nostro territorio veneto. Sono interventi per i quali serve un approfondimento che tenga conto delle legittime richieste che provengono, attraverso comitati e sindaci, dai territori interessati».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Innovazione tecnologica

Terna si è impegnata anche a incrementare interventi di rinnovo degli impianti, al fine di aumentare i livelli di sicurezza, affidabilità e resilienza, con riferimento particolare a eventi climatici eccezionali, a realizzare dei corridoi verdi, a porre in essere interventi tecnologicamente innovativi di sorveglianza e monitoraggio del territorio e della rete elettrica di trasmissione nazionale, ad aprire e ampliare i centri di eccellenza-tecnologici nel territorio del Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento