Dal Cai e dal Rotary oltre 7mila euro e un ecografo ai medici dell'Ulss

Le donazioni sono avvenute nei giorni scorsi. I ringraziamenti del direttore generale dell'Ulls 3 Dal Ben

La donazione dell'ecografo

Dal Club Alpino Italiano giunge una mano agli ospedali e ai servizi sanitari della città: nei giorni scorsi i presidenti delle sezioni Cai di Mestre, Dolo, Mirano, Chioggia e Venezia hanno incontrato il direttore generale dell’Ulss 3 Serenissima, Giuseppe Dal Ben, e gli hanno consegnato la cifra raccolta tra gli iscritti: oltre 7mila euro. “In tutte le sezioni – ha spiegato il presidente del Cai di Mestre, Francesco Abbruscato – si è avviata una concreta gara di solidarietà che ci ha portato a consegnare oggi il nostro dono, frutto di uno sforzo comune, segno del nostro grazie agli operatori della sanità».

«E’ un piacere e un onore – ha detto ringraziando il Dal Ben – accogliere questa donazione. Ha il sapore della solidarietà vera, quella che viene dagli uomini e dalle donne appassionati alla montagna e alle grandi imprese: sentiamo in questo dono il riconoscimento pieno per una sfida che ancora il personale e le strutture della sanità veneziana stanno affrontando, con il grande impegno di chi sa che davanti c’è come una montagna da scalare, un sentiero pericoloso da percorrere aiutandosi a vicenda fino al termine».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un ecografo portatile arrivato dagli Stati Uniti, invece, è stato donato al reparto di medicina dell’ospedale dell’Angelo di Mestre da parte delle sei sezioni del Rotary Club dell’area veneziana. A ritirare l’ecografo di ultima generazione con sonda tablet Giuseppe Dal Ben e il primario del reparto di medicina interna Fabio Presotto, insieme alla sua equipe medica, tecnica e infermieristica. «Mai nella mia carriera ho vissuto così tanti cambiamenti in così breve tempo come in questo periodo - ha detto Presotto -, ma anziché uscirne stremati, io e la mia équipe ne siamo usciti rinvigoriti, con un senso rinnovato di responsabilità e orgoglio. E questo dono fa sentire vicino la cittadinanza al nostro ospedale, ancor più gradito in quanto l’ecografo è vissuto quotidianamente da noi come un’estensione dell’endoscopio».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento