Amici a quattro zampe, record di solidarietà: 127 mila euro per sfamarli e curarli

Il ricavato verrà distribuito alle strutture Enpa del Veneto e dell'Emilia Romagna che operano nei territori per prendersi cura degli animali

Foto: consegna della donazione che Alì ha fatto ad Enpa

Un vero e proprio record di solidarietà per gli amici a 4 zampe. Il supermercato Alì ha infatti raccolto, grazie alle donazioni dei clienti e al suo contributo, la somma di 127 mila 138 euro, che permetterà di distribuire 85 mila pasti a cani e gatti accolti nelle strutture dell’Ente Nazionale Protezione Animali, Enpa. 

La consegna

Mercoledì a Villa Widmann, a Mira, il responsabile commerciale di Alì ha consegnato a Romano Giovannoni, consigliere nazionale e coordinatore regionale Enpa, l'assegno, segno tangibile di quanto i clienti abbiano a cuore le attività svolte dall’Ente Nazionale Protezione Animali del Veneto ed Emilia Romagna. Il ricavato verrà distribuito alle strutture delle due regioni coinvolte e permetterà ai volontari che operano nelle sezioni territoriali di sfamare e curare ogni anni migliaia di animali. Anche per il 2019, inoltre i clienti potranno accumulare punti nella carta fedeltà e sostenere l’Enpa.

Amici a quattro zampe

«La collaborazione con Enpa è iniziata nel 2014 ed è stata da subito molto apprezzata e sostenuta dai nostri clienti - commenta Giuliano Canella, responsabile commerciale Alì -. Quest’anno abbiamo raggiunto un record di solidarietà con la donazione a sostegno e tutela dei nostri amici a quattro zampe. Gli animali assumono un valore molto importante, assistono e danno speranza con la loro presenza aiutando anche chi è in difficoltà».

Solidarietà

«Ringraziamo di cuore tutti i clienti ma anche la Famiglia Canella e Alì per questo straordinario gesto di solidarietà verso gli animali più sfortunati. Questo importante contributo – spiega Giovannoni -  sarà distribuito alle nostre sezioni che, con i loro volontari, ogni giorno, si occupano di sfamare, curare e coccolare centinaia di animali nelle strutture e nel territorio. La grande vicinanza dei clienti e la società ci incoraggia a continuare con entusiasmo nella nostra faticosa missione  verso i più deboli ed indifesi».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Bozza del nuovo Dpcm: stretta sui bar, punto su visite e scuola

  • Zaia conferma: «Il Veneto sarà in area arancione»

  • Il Veneto sarà ancora in area arancione da domani: cosa si può fare e cosa no

Torna su
VeneziaToday è in caricamento