Attualità

Emergenza freddo: continua la distribuzione di coperte, scaldamani e sacchi a pelo

Fino al 10 marzo Fondazione Casa dell'Ospitalità è attiva sul territorio per dare accoglienza alle persone senza dimora del territorio veneziano

Emergenza freddo. È attivo un piano sul territorio per far fronte alle criticità del periodo invernale e garantire accoglienza e interventi dedicati alle persone senza dimora del territorio veneziano. Ne ha discusso giovedì l’assessore alla Coesione sociale del Comune di Venezia, Simone Venturini, alla struttura della Fondazione Casa dell'Ospitalità a Mestre.

Accoglienza notturna

Il dispositivo di accoglienza notturna invernale dell’amministrazione comunale rientrante nel Progetto Pon Metro. «Fino al 10 marzo - come ricordato dal presidente e direttore della casa dell’ospitalità, Paola Bonetti e Francesco Pilli - l'associazione Temporanea di Impresa costituita da Fondazione Casa dell’Ospitalità continuerà a essere attiva sul territorio per far fronte all’emergenza del periodo invernale, garantendo accoglienza e interventi dedicati alle persone senza dimora del territorio veneziano. 

Monitoraggio

Nei primi 20 giorni dall’attivazione del progetto sono state accolte 75 persone, 61 uomini e 14 donne, con un'età media tra i 45 e i 50 anni. 
Il monitoraggio diurno e serale delle unità di strada, che lavorano ogni sera tra Mestre e Venezia, consentirà un aggiornamento continuo delle situazioni di difficoltà e la verifica dello stato di salute delle persone più a rischio, anche grazie all'intervento del medico presente nell'equipe. 
Grazie a questo monitoraggio è possibile offrire assistenza anche alle persone che rifiutano qualsiasi tipo di accoglienza, anche attraverso la distribuzione di materiale salvavita. Dall’1 dicembre a oggi sono state distribuite centinaia di coperte, di scaldamani, di merendine e anche alcuni sacchi a pelo termici. I posti letto a disposizione nella struttura di via Santa Maria dei Battuti sono 35 a notte, ma possono essere aumentati a fronte delle necessità. 

Numero verde

Al numero verde gratuito 800 589 266 attivo per segnalazioni da parte dei cittadini e richieste di intervento da parte delle persone in strada, sono arrivate 82 chiamate totali. Particolarmente significativo infine è il dato relativo alla coperte donate da cittadini, alberghi e rete delle parrocchie, che sono state ben 300. Il mio grazie - ha commentato Venturini - a tutti coloro che, anche durante queste giornate particolarmente fredde, si impegnano con generosità nel volontariato e nell'aiuto ai più bisognosi».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza freddo: continua la distribuzione di coperte, scaldamani e sacchi a pelo

VeneziaToday è in caricamento