Epilessia: anche nel distretto di Mirano-Dolo c’è una risposta a questa malattia neurologica

Sono circa 500 le persone seguite dal laboratorio

Può essere paragonato ad un fulmine che colpisce una casa provocando un temporaneo blackout: parliamo di epilessia.

La malattia

Una malattia neurologica causata da una eccessiva scarica elettrica nella materia grigia del cervello che causa un corto circuito. «Nel distretto di Mirano Dolo – ha spiegato il primario della Neurologia, il dottor Luigi Bartolomei – sono seguite circa 500 persone grazie agli ambulatori situati uno a Dolo (Dottoressa Anna Baldan) e uno a Noale (Dottoressa Aurora Panico). Ci occupiamo principalmente del problema dell’adulto, ma qualche volta affrontiamo anche i casi pediatrici. Attualmente la cura più efficace rimane quella farmacologica che varia a seconda del caso trattato». Nell’immaginario collettivo, quando si parla di epilessia (dal greco “epilambanein”, che significa essere colti di sorpresa), si pensa a persone che improvvisamente, dopo aver urlato, cadono a terra contorcendosi, ma in realtà la epilessia si manifesta visivamente in vari modi, più o meno gravi. «Se pensiamo, ad esempio ai bambini – ha continuato il primario – l’epilessia in molti casi si evidenzia come una forma di incantamento, tanto che se non diagnosticata in maniera corretta, genitori e insegnanti, possono scambiarla piuttosto come una forma di disattenzione del bambino. Ci sono delle forme che, a seconda della zona che colpiscono del cervello, causano delle difficoltà motorie, talvolta solo da una parte del corpo con connessi anche dei tremori, alla bocca o all’occhio; in altri casi, se la parte colpita del cervello è quella emotiva, accade anche che la persona, prima della crisi, sia avvolta da una sorta di aura che le fa percepire malessere, tipo nausea, o una sorta di “déjà-vu"».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Info utili

La crisi si presenta senza preavviso, motivo per cui rende la persona colpita e i familiari insicuri, creando ansia nell’attesa: una persona epilettica deve condurre una vita normale il più possibile, cercando di non bere alcolici e di riposare bene la notte (l’insonnia aumenta il problema). Ai familiari viene spiegato che, cercando di non farsi prendere dal panico, è importante che la persona in crisi epilettica venga posizionata su un lato per evitare qualche principio di soffocamento. «Non sempre la diagnosi è facile, – ha spiegato il dottor Bartolomei – ma le persone affette si accorgono di avere episodi clinici che si ripetono nel tempo con le stesse caratteristiche e, quindi, si rivolgono al neurologo che, attraverso una visita e il supporto di test quali l'elettroencefalogramma e la RM encefalica, può arrivare ad una diagnosi e quindi consigliare una terapia». «E’ bene fare attenzione ai sintomi, quindi, talvolta non subito visibilmente riconoscibili – ha detto il direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – e riconducibili a questa malattia. Se alcuni comportamenti sono frequenti e non eccezionali è bene rivolgersi al proprio medico curante che saprà indirizzare il cittadino verso l’approfondimento specialistico più opportuno». In alcuni casi la malattia ha origini genetiche, può essere ricondotta anche a qualche forma di familiarità e, infine, può invece nascondere altre problematiche come una neoplasia o una lesione o un trauma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento