Esodo estivo: raccomandata attenzione alla guida, ancora troppi gli incidenti stradali

I dati del rapporto Aci-Istat sugli incidenti del 2018 mostrano risultati poco soddisfacenti sulla sicurezza stradale nel comune di Venezia

Esodo estivo: raccomandata attenzione alla guida, ancora troppi i morti sulle strade

«La sicurezza torni a essere una priorità. Sulle nostre strade si continua a morire» sono queste le prole del presidente dell'Automobile Club Venezia, Giorgio Capuis che raccomanda a tutti i veneziani che si apprestano a partire per le vacanze di tenere comportamenti responsabili alla guida. Il sollecito di Capius arriva in concomitanza con la diffusione del rapporto Aci-Istat sugli incidenti stradali del 2018 che ha fatto emergere dati poco soddisfacenti per il comune di Venezia che lo scorso anno ha riscontrato 656 incidenti stradali di cui 6 mortali (6 i morti) e un totale di 880 persone ferite. L'anno precedente il numero di sinistri era stato inferiore, nello specifico 649 gli incidenti e 8 i morti (due in più del 2018). L'obiettivo europeo era quello di dimezzare il numero di morti in incidenti stradali entro il 2020 ma i dati confermano quanto si sia ancora lontani dal raggiungerlo.

«Mentre è ancora vivo il dolore per la morte dei quattro ragazzi di Musile di Piave, avvenuta nel tragico incidente del 13 luglio scorso a Jesolo, è urgente che la sicurezza torni ad essere una priorità - sostiene il presidente dell'Aci Venezia - sono necessari, da subito, corsi di aggiornamento o di guida sicura riservati ai conducenti, in quanto, se da una parte l’età delle vittime è aumentata, dall’altra i giovani si confermano la categoria più a rischio. È fondamentale, infine, una maggiore attività di controllo lungo le nostre strade, soprattutto quelle che portano verso i luoghi di villeggiatura».

Le cause principali degli incidenti

Le prime cause degli incidenti stradali sono tutte attribuibili ai guidatori. Si tratta infatti di distrazione, mancata precedenza e velocità elevata. Basti pensare che dei 656 incidenti totali ben 143 risultano tamponamenti e anche gli incidenti con investimento di pedoni sono numerosi: ben 90 dei 656 totali. I mesi più pericolosi nel 2018 sono risultati essere giugno e ottobre. Delle 6 vittime, 3 erano conducenti, 1 persona trasportata e 2 pedoni.

Nonostante questo va sottolineato che la rete viaria è vasta e in molti casi obsoleta, non aggiornata nei sistemi di sicurezza passiva quali guard-rail, asfalto e aree di sosta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento