rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Attualità Marghera / Via Oroboni

Ex scuola Edison di Marghera, il Comune mette 3 milioni e riorganizza gli spazi

Approvato in Consiglio comunale il cambio di destinazione d'uso da scuola ad "Attrezzature per uso comune": dopo la ristrutturazione andrà alle associazioni di volontariato e alla Protezione civile comunale

Ex scuola Edison di Marghera: il Consiglio comunale dice sì, con 31 voti favorevoli, al cambio di destinazione d'uso dell'immobile, alla ristrutturazione con lavori per oltre 3 milioni di euro, e alla riassegnazione alle associazioni di volontariato e alla protezione civile comunale.

Lo stabile di proprietà comunale, che si trova tra via Oroboni e via Mameli, dopo la fine delle attività scolastiche dell’Istituto tecnico professionale (nel 2007), è tornato a uso dell’amministrazione comunale che, dal 2007, ne ha disposto usi diversi. Nel corso degli ultimi anni gli spazi del compendio sono stati destinati alla Caritas, ad altre associazioni di volontariato che hanno impiegato le aule come uffici, dov'era prima insediato il Centro di immigrazione gestito dalla Provincia (ora Città Metropolitana) e dalla Questura, e anche alla Protezione civile comunale nella parte caratterizzata da due grandi ambienti con ingresso carrabile.

Il compendio è stato anche impiegato come palestra con spogliatoi annessi, e adoperato come impianto sportivo comunale. Lo schema di uso approvato in Consiglio ne varia la destinazione d’uso da "Aree per l’istruzione superiore" ad "Attrezzature di interesse comune", in modo che quegli spazi si possano utilizzare diversamente, dopo la ristrutturazione prevista che verrà finanziata con 3 milioni e 100 mila euro.

Dal momento che la struttura ora è sottoutilizzata, è stato sottolineato, l’amministrazione si è posta l’obiettivo di ristrutturare tutto immobile, riqualificarlo dal punto di vista energetico, aumentando la classe, e assegnarlo al mondo dell’associazionismo radicato nel territorio comunale della terraferma, nonché di riconsegnare alla Protezione civile, già presente nel compendio, spazi più confortevoli ed accoglienti. Il progetto di ristrutturazione prevede quindi una riorganizzazione e ottimizzazione degli spazi, mettendo a disposizione parti dell’edificio che erano state abbandonate e non venivano utilizzate da anni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex scuola Edison di Marghera, il Comune mette 3 milioni e riorganizza gli spazi

VeneziaToday è in caricamento