rotate-mobile
Attualità Noale

Noale ringrazia la famiglia della farmacista scomparsa: «Ha donato alla città l'immobile destinato alla biblioteca»

Ieri il sindaco Patrizia Andreotti ha incontrato in Comune e ringraziato sorelle e nipoti dell'ex insegnante titolare della farmacia Bertoncello scomparsa il 15 maggio del 2020

Un lascito alla sua città: Noale ha ricevuto in eredità un appartamento a Venezia. «Nessuno immaginava che tra le ultime volontà della donna ci fosse quella di donare l'immobile alla città», si legge nel post che racconta il fatto sulla pagina Facebook della città di Noale. La signora è la dottoressa Sara Trevisan che nel testamento ha lasciato lo stabile destinato alla costruzione della nuova Biblioteca su palazzo Carraro.

«Quando il 15 maggio 2020 è venuta a mancare Sara Trevisan, stimata e conosciuta titolare della storica farmacia Bertoncello, con la discrezione che l'ha sempre contraddistinta, ha voluto lasciare una sua importante proprietà proprio per la biblioteca civica "Eliseo Carraro". Il suo gesto generoso è testimonianza della sua vita: insegnante appassionata, farmacista competente e disponibile, donna riservata ma con un grande amore per la sua comunità. Per questo, a conclusione della successione, l'amministrazione comunale ha voluto incontrare la sua famiglia per un ringraziamento ufficiale», si legge. E ieri, sabato 4 dicembre in sala giunta del Municipio, alla presenza delle sorelle della dottoressa, Luisa e Giuseppina, e dei nipoti Camilla e Marco, è stato condiviso un affettuoso ricordo di Sara Trevisan. 

«Come tanti noalesi, anche io sono stata allieva della dottoressa Trevisan - ha detto il sindaco Patrizia Andreotti -. Noale sa creare un profondo legame con le persone, tanto che, già in passato, è stata destinataria di lasciti come quello di Egisto Lancerotto e Carmela Daminato. Sicuramente rimarrà il ricordo di Sara Trevisan, che ha compiuto un gesto di grande amore e generosità verso la sua Noale». 

«Ringraziamo l’amministrazione comunale per questo breve momento molto significativo per la nostra famiglia - hanno commentato le sorelle e i nipoti -. Rispettando il carattere riservato di Sara, siamo felici, e ci permettiamo anche orgogliosi, per questa sua volontà. Un gesto ora concreto che confidiamo, assieme agli altri progetti di qualificazione e rilancio della biblioteca comunale di Noale, possa colmare le difficoltà del passato per il benessere culturale di tutta la città di Noale».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Noale ringrazia la famiglia della farmacista scomparsa: «Ha donato alla città l'immobile destinato alla biblioteca»

VeneziaToday è in caricamento