Fondi al San Camillo Irccs, vinti 4 progetti di ricerca

Dal ministero della Salute 1.795.000 euro per le attività sulle pratiche di neuroriabilitazione per pazienti affetti da ictus

Ospedale San Camillo Lido

Quattro nuovi finanziamenti arrivano per l’ospedale Irccs San Camillo del Lido di Venezia, dal ministero della Salute. Una conferma di eccellenza dell’istituto di ricerca lidense riconosciuto per la riabilitazione neurologica, che si aggiudica così circa 1.795.000 euro destinati a finanziare l’attività di quattro ricercatori: Maria Montefinese, Giovanni Pellegrino, Andrea Turolla e il professor Marco Zorzi.

Hanno presentato quattro progetti, tutti volti a sviluppare e migliorare le pratiche di neuroriabilitazione per pazienti affetti da ictus che verranno condotti nei laboratori dell’Istituto. Ogni progetto sarà seguito da un’équipe di esperti composta da collaboratori interni ed esterni al San Camillo, tra cui professori e ricercatori provenienti dalle Università di Ghent, Londra, Padova e Roma.

«Questi studi – spiega il direttore scientifico dell’Irccs San Camillo Dante Mantini – ci consentiranno di fare importanti passi avanti nella diagnostica e nel recupero post-ictus, grazie alla combinazione di metodologie all’avanguardia, dalle più avanzate tecniche di neuroimmagini e neurofisiosiologia, combinate a metodiche neurocomputazionali, per il fine ultimo di aumentare l’efficacia della riabilitazione personalizzata del paziente colpito da ictus».

Il progetto della dottoressa Montefinese si focalizza sul recupero dall’afasia in seguito all’ictus e in particolar modo il recupero del significato delle parole, mentre lo studio del dottor Pellegrino ha come obiettivo quello di esaminare come l’attività cerebrale in pazienti con ictus è alterata e di migliorare il recupero funzionale attraverso la stimolazione transcranica a corrente alternata. Lo studio del dottor Turolla si concentrerà sull’analisi dei movimenti dell’arto superiore dopo l’ictus, utilizzando segnali elettrici che provengono dai muscoli e le potenzialità della realtà virtuale, mentre nella ricerca affidata al professor Zorzi verranno indagate le dinamiche dei movimenti oculari in pazienti colpiti da ictus al fine di predire, tramite tecnologie avanzate come il machine learning e l’intelligenza artificiale, il recupero funzionale. 

«Orgogliosi di essere tra i primi istituti di ricerca in Veneto per numero di progetti vinti e il primo per importo erogato  – dichiara Mario Bassano, amministratore delegato della San Camillo srl – e continueremo a sviluppare la nostra ricerca, nella speranza non solo di identificare nuove soluzioni e cure per una delle patologie più diffuse e invalidanti come l’ictus cerebrale, ma anche per offrire opportunità professionali ai tanti ricercatori italiani».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento