Soldi dall'Europa per riparare i danni dell'acqua granda

Guarda e Azzalin: «Duecentoundici milioni. Siano destinati alla prevenzione di fenomeni che condannano Venezia a maree sempre più devastanti». Si aggiungono ai fondi per Porto Marghera

Acqua alta in un negozio a Venezia, archivio

Duecentoundici milioni dall'Europa per ristorare i danni dell'alluvione di novembre 2019 a Venezia. Lo avevano annunciato in videoconferenza qualche giorno fa i sottosegretari di Stato Achille Variati, Pier Paolo Baretta e Andrea Martella. «Una assunzione di responsabilità da parte dell'Europa che smentisce gli euroscettici», per i consiglieri regionali Cristina Guarda (Civica per il Veneto) e Graziano Azzalin (PD). I soldi destinati all'Italia sono quelli del Fondo di solidarietà europeo relativo alle alluvioni che hanno flagellato Venezia e il territorio veneto. «Ci aspettiamo che Regione e Comune di Venezia gestiscano al meglio questi soldi, non solo per ristorare le legittime aspettative dei privati, ma anche per mettere in opera azioni di prevenzione verso fenomeni che, a causa dell'ormai innegabile effetto del riscaldamento globale, condannano Venezia ad acque alte sempre più impegnative e devastanti», scrivono Guarda e Azzalin.

Marghera

«Dopo il miliardo e 300 milioni degli ultimi 5 anni, in arrivo altri 100 milioni per Marghera», aveva precisato Baretta in videoconferenza. Siglato nei giorni scorsi l’accordo quadro tra ministero dell’Ambiente, regione Veneto e Autorità portuale che rende operativi i fondi per il sito di interesse nazionale di Porto Marghera. Si tratta di 102 milioni di euro che permetteranno di completare le opere di marginamento e le banchine nell’ex area industriale di Venezia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marginamenti e acqua alta

«Lo scorso 19 aprile si è concluso – spiega Baretta - il processo che ha sbloccato 70 milioni di euro di fondi europei del Piano operativo ambiente Fsc 2014-2020, cui si aggiungono ulteriori 32 milioni di euro che sono già nelle disponibilità della regione Veneto. I fondi europei verranno, a loro volta, ripartiti tra l’Autorità portuale, con uno stanziamento di quasi 42 milioni e Palazzo Balbi. Siamo di fronte – continua il candidato sindaco - a un importante segnale per la nostra città, che arriva nei giorni della crisi economica». I fondi stanziati permetteranno di realizzare i marginamenti delle darsene e dei canali del Molo Sali, del Canale industriale e della Darsena della Rana, oltre all’adeguamento ambientale e alla riqualificazione delle banchine dei Moli A e B. Si aggiungono a quelli per i risarcimenti dei danni economici dell’acqua alta previsti della Commissione europea. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale fra una Punto e un camioncino, muore una ragazza

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cade in acqua lungo la Riviera del Brenta e perde la vita

  • Un motociclista morto in un incidente stradale

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento