Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Global Campus of Human Rights e la Regione Veneto dialogano per ribadire l'importanza dei diritti umani | VIDEO

La seconda “conversazione” organizzata dal Global Campus of Human Rights si è tenuta questa mattina in via telematica. Nei prossimi mesi la Regione Veneto indirà un bando per creare nuove connessioni tra le università e le istituzioni.

 

Si è tenuta questa mattina, in via telematica, la seconda “conversazione” organizzata dal Global Campus of Human Rights (GCHR) per discutere sul possibile futuro a Venezia, prestando particolare attenzione all’importanza della formazione universitaria.

Alla presenza dell’assessore regionale alla Cultura Cristiano Corazzari, del segretario generale del GCHR Manfred Nowak e del docente dell’Università degli Studi di Padova Marco Mascia, è stato affrontato il tema delle relazioni tra le istituzioni – universitarie e non – nella Regione Veneto, proponendo nuove attività comuni più attente ai diritti umani e all'educazione universitaria. È stata inoltre posta un’attenzione particolare sulla possibilità di aprirsi al progetto Shelter cities, che supporta e aiuta i difensori dei diritti umani nel mondo. Nei prossimi mesi, infine, la Regione Veneto indirà un bando per creare nuove connessioni tra le università e le istituzioni.

Hanno partecipato alla discussione anche Elisabetta Noli, direttore amministrativo del GCHR, Jane Da Mosto di We are here Venice e Carlotta Giordani, rappresentante EMAlumni Association. La prossima conversazione si terrà in vista della Festa della Sensa (10-16 maggio 2021).

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento