Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sarò la sentinella di questo regno»: Giancarlo Marinelli è il direttore artistico di Arteven | VIDEO

Drammaturgo, scrittore e regista, è stato scelto dal circuito teatrale regionale per lanciare un nuovo progetto culturale che coinvolge le compagnie regionali e gli 85 teatri soci di Arteven

 

Arteven rafforza la propria squadra arricchendola di una nuova figura strategica, il direttore artistico, a cui è demandato il compito di collaborare alla costruzione di un progetto culturale a supporto delle compagnie teatrali del Veneto e degli 85 Comuni soci del Circuito: la scelta è ricaduta quindi su Giancarlo Marinelli, figura di spicco del mondo culturale italiano in qualità di drammaturgo, regista e scrittore, che già in passato ha collaborato con Arteven. 

Il progetto elaborato da Marinelli ha un titolo evocativo, Ancóra e Àncora, e vuole essere uno strumento di aiuto per il settore teatrale veneto grazie ad una serie di attività a supporto delle compagnie regionali: «Voglio fare del Veneto un motore intellettuale, letterario e culturale» dichiara Marinelli con orgoglio. L’intento è infatti quello di creare un coordinamento condiviso per rilanciare il teatro regionale, che risulta essere tra i settori più duramente colpiti dalla pandemia.

«Abbiamo deciso di dotarci di un direttore artistico – spiega Massimo Zuin, Presidente di Arteven – perché sentivamo l’esigenza di fornire nuovi servizi ai nostri soci, mettendo a disposizione delle linee guida per condividere i progetti culturali delle compagnie in un confronto aperto. Le ultime emergenze hanno accelerato i mutamenti in atto e il mercato sta cambiando rapidamente. Nostro compito è accompagnare il settore nelle scelte necessarie, come l’utilizzo di palcoscenici inediti e la riscoperta di autori veneti poco utilizzati per rafforzare la proposta regionale anche oltre i confini veneti».

«Il mio ruolo – spiega Marinelli – sarà quello di propulsore per le compagnie distribuite da Arteven andando alla scoperta della specificità di ognuna, costruendo un coordinamento che possa servire a creare una forte identità regionale per cercare di rendere esclusiva l’esperienza teatrale».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento