Il dottor Cerri è il nuovo primario di Ostetricia e Ginecologia dell'ospedale Civile

Pisano, ma veneziano d'adozione, per 10 anni ha operato nel punto nascite dell'Angelo

Il nuovo primario Gianluca Cerri e, a destra, il dg dell'Ulss 3 Giuseppe Dal Ben

Nato a Pisa ma ormai "veneziano" d'adozione, il dottor Gianluca Cerri è il nuovo primario di Ostetricia e Ginecologia dell'ospedale civile di Venezia. Sessant'anni, per quasi dieci anni ha operato nel punto nascite dell'ospedale dell'Angelo. Da un anno, dal momento cioè della cessazione del dottor Cicciarella, si è trasferito all'Ostetricia del Civile e ha assunto il ruolo di facente funzioni. Ora, dopo le procedure concorsuali, ha l'incarico di primario.

«Operiamo in una struttura di livello»

«Dirigo a Venezia un'équipe importante - sottolinea Cerri - che conta sei medici, tredici infermiere e nove ostetriche, a cui si aggiungono gli operatori socio-sanitari. Insieme a questa équipe operiamo in una struttura di altissimo livello, nuova poiché collocata recentissimamente negli spazi del Padiglione Jona, e dotata di strumentazioni di prim'ordine: si pensi solo alle due sale operatoria dedicate alla nostra specialità».

Operatività delle strutture

Il dottor Cerri è stato a lungo il vicario del dottor Tiziano Maggino, direttore del punto nascite dell'Angelo e coordinatore del dipartimento materno-infantile dell'Ulss 3: «Con l'incarico al dottor Cerri - sottolinea il direttore generale Giuseppe Dal Ben - si rafforza ulteriormente la costruzione di una rete di collaborazione tra i punti nascita dell'Ulss 3 Serenissima: si garantisce così l'operatività di tutte le strutture, anche di quella veneziana, secondo gli standard necessari».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento