Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giorgio Cavazzano a Noale: «Topolino ha i colori di tutti i popoli del mondo»

Uno dei grandi dei fumetti Disney si racconta mentre è ospite di una pasticceria di amici in piazza XX settembre. «La creatività, che da sempre contraddistingue gli italiani, ci salverà in ogni campo»

 

«La creatività ci salverà, l'importante è cominciare. Prendere una matita in mano, senza aver paura di provare a copiare». Giorgio Cavazzano, il padre veneziano dei fumetti della Disney, si racconta seduto a un tavolo di una pasticceria di amici a Noale, mercoledì sera. I suoi sono intervalli di una vita trascorsa a dare forma e anima a Topolino, Paperino, Zio Paperone, Pippo e i molti altri protagonisti della storia di tutti. La matita più famosa del mondo ricorda i film, i personaggi del cinema, gli attori incrociati nel corso degli anni, ammettendo «sì, siamo i migliori al mondo, perché abbiamo realizzato qualcosa che piace a livello universale. Topolino ad esempio - spiega - ha i colori della pelle di tutte le popolazioni del mondo. E forse questo è accaduto per caso, non è stato il frutto di una scelta congegnata. Ma oggi lo conoscono tutti».

Alle pareti del locale sono appesi alcuni dei suoi disegni. Ciascuno evoca un ricordo, un progetto, un episodio legato alla carriera di Cavazzano. «I fumettisti migliori ancora oggi sono i consumatori, quelli cioè che riescono ad avere uno sguardo interno e allo stesso modo a dare un giudizio esterno a quello che creano. Io stesso - racconta - vengo spesso giudicato da mia moglie che mi suggerisce di apportare delle modifiche ai disegni. Può sembrare buffo ma quel giudizio dà valore aggiunto al lavoro».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento