"Altro che fake news, giornalisti ancora cani da guardia del potere: minacce in aumento"

Undicesima edizione della Giornata della memoria dei giornalisti uccisi da mafie e terrorismo. Cerimonia alla Fenice: "Servono norme a tutela della libertà d'informazione"

Una giornata dedicata a chi fa giornalismo "vero", a chi ha subito minacce o a chi è stato intimato di chiudere la bocca. Perché quando la professione di giornalista viene svolta con il cuore e non con la testa, con coscienza e non con calcolo, si dà fastidio. Il 3 maggio è il World Press Freedom Day e al Teatro La Fenice di Venezia si sono ricordati con una cerimonia-convegno i giornalisti uccisi da mafie e terrorismo. Storie che hanno caratterizzato anche il nostro territorio. L'iniziativa è stata promossa dall’Unione nazionali cronisti italiani (Unci) e organizzata dal sindacato e dall'Ordine dei giornalisti del Veneto. Hanno preso la parola il presidente nazionale dell'Ordine, Carlo Verna, il presidente della Federazione nazionale della stampa, Giuseppe Giulietti, e il presidente nazionale dell'Unci, Alessandro Galimberti.

Ritorsioni e minacce

Nelle Sale Apollinee della Fenice, in occasione delle 11esima edizione della Giornata della memoria dei giornalisti uccisi da mafie e terrorismo, si è espressa vicinanza ai professionisti dell'informazione che ancora oggi subiscono minacce e ritorsioni (alcuni di loro erano presenti e hanno raccontato la loro quotidianità in "missione"). Anzi, si tratta di una piaga in aumento.

"Difendere i giornalisti, difendere la democrazia"

«Colpendo i giornalisti che indagano sui regimi, sulle mafie, sulla corruzione si colpisce il diritto dei cittadini a essere informati. Difendere questi giornalisti significa difendere la democrazia». È la sottolineatura fatta con forza da Giuseppe Giulietti, presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana, all'undicesima 'Giornata della memoria dei giornalisti uccisi da mafie e terrorismo' organizzata nelle Sale Apollinee del teatro 'La Fenice' di Venezia da Unci, Fnsi, Sindacato giornalisti Veneto e Ordine professionale.

"Nessun cronista sia lasciato solo"

«Non una commemorazione bensì una testimonianza viva e militante per ricordare il sacrificio di chi è morto o è stato ferito da mafie, terrorismo, criminalità svolgendo il mestiere di giornalista», ha precisato Monica Andolfatto, segretaria Sgv. «Ringrazio l'Unci per aver scelto Venezia e ringrazio il Sindacato», ha detto il presidente dell'Odg Veneto, Gianluca Amadori. «Per noi giornalisti – ha rilevato questa giornata è un patrimonio che ci fa rifletter su come sta cambiando la professione. Credo che dalla memoria dobbiamo trovare ispirazione per fare al meglio il lavoro di giornalista». Il messaggio lanciato da Venezia è chiaro: nessun cronista è solo e non deve sentirsi solo. Troppe volte è successo in passato, troppe volte succede anche ora, come ha ribadito Alessandro Galimberti, presidente Unci. 

Giornalisti uccisi o sotto scorta

Toccante la testimonianza dei familiari delle vittime che hanno voluto essere presenti all’evento: dalla moglie e dal figlio di Beppe Alfano, al fratello di Peppino Impastato, dal genero di Giuseppe Fava alla moglie di Guido Passalacqua al fratello di Luigi Necco. Commovente anche l’abbraccio alla moglie e alle figlie di Franco Battagliarin, la guardia giurata uccisa 40 anni fa nell’attentato alla sede del Gazzettino di Venezia: «Lui non era un giornalista – ha detto Giulietti – faceva un altro lavoro che era comunque a tutela della sicurezza dell’informazione in anni in cui i cronisti erano nel mirino». E i cronisti, nel mirino, ci sono ancora oggi, dentro e fuori le redazioni, dipendenti e precari. Come Paolo Borrometi e Federica Angeli, costretti a vivere sotto scorta, che hanno condiviso con la platea la loro esperienza non solo professionale ma anche umana. Entrambi hanno ribadito l’importanza di stare vicini a chi è oggetto di minacce, intimidazioni, aggressioni e delegittimazioni pianificate a tavolino.

"La democrazia muore nell'oscurità"

«La democrazia muore nell'oscurità, nei confronti dei colleghi più esposti abbiamo il compito di tornare in quei posti e raccontare quei fatti per non lasciarli soli», ha ribadito il presidente nazionale dell’Ordine, Carlo Verna. Emozionante, infine, il video proiettato in anteprima sul Giardino della Memoria di Ciaculli a Palermo realizzato da Leone Zingales, vicepresidente Unci: un luogo dal profondo impatto emotivo che, su un terreno confiscato alla mafia, celebra il ricordo pulsante dei giornalisti, dei magistrati, degli uomini e delle donne delle forze dell’ordine assassinati e dei morti delle stragi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento