menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rientro di cervelli: dal Canada al San Camillo, giovane neurologo torna al Lido

Giovanni Pellegrino torna a lavorare nella struttura lidense dopo un periodo da ricercatore all'estero

Si concretizza l'impegno dell'ospedale IRCCS San Camillo del Lido di Venezia per riportare in Italia i cervelli italiani emigrati all’estero. Da pochi giorni è, infatti, tornato a lavorare nella struttura lidense, a distanza di alcuni anni dalla prima esperienza, Giovanni Pellegrino, 37 anni, giovane neurologo impegnato negli ultimi anni in Canada come ricercatore.

È solo l’ultimo di una serie di “cervelli” richiamati in Italia dall’eccellenza dell’istituto lidense, tra questi Marco Marino, ricercatore che collabora tra il San Camillo e l'università di Leuven (Belgio) e Giulio Ferrazzi, che ha preso servizio dal mese scorso al San Camillo come ricercatore e coordinatore del laboratorio di Neuroimmagini e che arriva dal King's College (Londra) e lo stesso Dante Mantini, direttore scientifico del San Camillo, che è professore anche a Leuven, (Belgio).

«Siamo orgogliosi – afferma Mario Bassano, amministratore delegato della San Camillo srl – che molti ricercatori, autori di livello, vogliano lavorare per noi. E’ segnale del prestigio internazionale del nostro istituto di ricerca». 

Pellegrino è un neurologo e ricercatore che si occuperà in particolare di usare la combinazione di varie tecniche di neuroimmagini e stimolazione non invasiva per studiare il funzionamento cerebrale e migliorare la neuroriabilitazione del paziente, in particolare nei casi di ictus e epilessia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento