Definitivo il decentrato dei dipendenti comunali

Approvata martedì la sottoscrizione in giunta «Anche grazie all'efficientamento del bilancio»

Ca' Farsetti

Autorizzata in giunta la firma definitiva del contratto decentrato dei dipendenti comunali, in base alla preintesa firmata a fine luglio con Cisl, Cgil, Csa, Uil ed Rsu. «Il risultato dimostra come solo sedendosi attorno a un tavolo di confronto si possono raggiungere risultati importanti per i cittadini e per tutto il personale», commenta l'assessore al Personale Paolo Romor. Approvazione a maggioranza anche dai lavoratori, 1700 dei 2700 aventi diritto al voto, che hanno votato a favore del decentrato oggi definitivo, nel referendum del 18 settembre scorso. Diccap e Cobas contrari.

Punti principali dell'accordo

Al dipendente che ottenga una buona valutazione vanno 1.500 euro medi. Potranno aumentare in caso di adesione a progetti, 2,6 milioni di euro sono destinati agli istituti che premiano il contributo del singolo (1,3 milioni per la performance individuale e 1,3 milioni per i progetti speciali), 2,4 milioni sono riservati alla performance collettiva, valutata sugli obiettivi, assegnati dall’ente, e raggiunti dal gruppo, centomila euro di “bonus eccellenze”, destinato a una platea potenziale di 200 dipendenti che si distinguano per l’impegno e i risultati a favore dell’ente e, quindi, dei cittadini, una parte delle somme investite proverranno da un piano di efficientamento di almeno 300 mila euro. Riscritte e aggiornate molte delle regole interne, in particolare previsto un sistema più snello per la mobilità interna, l'istituzione della banca delle ore, le ferie solidali (a favore di dipendenti con figli minori che versino in gravi condizioni di salute).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovani laureati

«È grazie all'efficientamento che l'amministrazione è riuscita ad apportare alla macchina comunale – continua Romor - che si è potuti arrivare a questo accordo che ci ha consentito di stanziare il massimo delle risorse consentito dalla legge per la premialità dei dipendenti, arrivando a 5,8 milioni di euro. Approvato in giunta un piano occupazionale che prevede per il 2019 più di 260 assunzioni, rivolte soprattutto ai giovani - sottolinea l'assessore - Ad oggi abbiamo già all'attivo 89 assunzioni, sono in corso 8 selezioni per ulteriori 151 assunzioni, e altre 4 selezioni sono previste in pubblicazione prima di fine anno. Il tasso di incidenza del personale laureato (o con titoli superiori, come i master) con meno di 35 anni di età ha ripreso a crescere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento