Giovedì, 29 Luglio 2021
Attualità

Grandi navi, approdi temporanei e interventi complementari: Di Blasio commissario straordinario

Il decreto Grandi navi, che sarà riconvertito in legge entro 60 giorni, prevede stanziamenti per 222 milioni di euro fino al 2026. Di Blasio: «Una sfida enorme che siamo pronti ad affrontare»

Il presidente dell’autorità portuale di Venezia e Chioggia Fulvio Lino Di Blasio è stato nominato commissario straordinario per la realizzazione di approdi temporanei e di interventi complementari per la salvaguardia di Venezia e della sua laguna. «È una sfida enorme che affrontiamo, - ha commentato - consapevoli di dover rendere compatibili iniziative a supporto di due importanti settori della puntualità veneziana: quello crocieristico e quello industriale-commerciale».

Di Blasio si sta già muovendo per definire la governance delle attività in programma, puntando innanzitutto sul metodo di lavoro che si svilupperà attraverso la condivisione e l’ascolto degli operatori e di tutte le istituzioni coinvolte. «Avrò a disposizione - ha aggiunto - risorse finanziarie per le attività e le opere da realizzare». Il piano prevede la realizzazione di punti di attracco temporanei, manutenzione dei canali esistenti, interventi accessori per il miglioramento dell’accessibilità nautica e la sicurezza della navigazione. «La definizione del cronoprogramma rappresenta uno dei passaggi attuativi più importanti legati al decreto e, una volta identificato, ci consentirà di ricevere i finanziamenti per avviare le opere».

Il decreto legge

Il decreto legge Grandi navi entra in vigore oggi e verrà esaminato dalle commissioni in Camera e Senato per l’iter parlamentare per essere convertito in legge entro 60 giorni, salvo modifiche. Prevede complessivamente, tra opere e ristori, stanziamenti per 222 milioni di euro da qui al 2026, che verranno erogati tramite i successivi decreti attuativi, già previsti dal decreto attuale: solo per il 2021 è, infatti, stabilito che vengano stanziati 30 milioni di euro alle compagnie che avevano già previsto toccate a Venezia prima del 1 agosto e si vedono oggi  costrette a riprogrammare le attività e i complessi calendari stagionali con evidenti gravi costi aggiuntivi; sono quindi previsti 5 milioni di euro a Venzia Terminal Passeggeri (Vtp) e ulteriori 5 milioni di euro ai lavoratori della filiera attraverso il fondo per l’occupazione oltre agli aiuti che erano già previsti dal decreto sostegni e dal decreto sostegni bis.

«Affronteremo questa fase critica, per molti emergenziale, con l’obiettivo di lavorare in stretta sinergia con gli organi ministeriali e territoriali essendo al contempo a supporto di tutte le categorie colpite. - ha concluso il commissario straordinario - Siamo chiamati dunque a una prova importante, alla quale ci stiamo preparando perché il nostro obiettivo è, e sarà, continuare a garantire la centralità di Venezia e il ruolo primario nel sistema locale, nazionale ed internazionale, avendo ben chiaro di dover operare nel rispetto dei principi della sostenibilità».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grandi navi, approdi temporanei e interventi complementari: Di Blasio commissario straordinario

VeneziaToday è in caricamento