Martedì, 22 Giugno 2021
Attualità Porto Marghera

Heritage Tower e Cittadella dell’edilizia, rilancio dell'area «costruendo sul costruito»

I progetti di Zintek srl, società che ha sede nel polo industriale veneziano e progetta coperture e rivestimenti. «Trasformare gli ambienti in luoghi vivibili e compatibili con la socialità per dare all’esistente un nuovo volto»

Heritage Tower a Porto Marghera, foto Zintek

Heritage Tower e Cittadella dell’edilizia a Porto Marghera: a Porto Marghera, per la Zintek srl, società che ha sede nel polo industriale veneziano e progetta coperture e rivestimenti in laminato zinco-titanio, sono un esempio di rilancio dell'area basato su sostenibilità e cultura. Una zona, scrive Zintek, che «si trasforma, rinasce accogliendo progetti culturali, architettura d’avanguardia, modernità e innovazione estetica, come una cittadella della cultura della produttività».

Torre di raffreddamento vetrocoke-azotati

Anche Zintek ha le proprie radici a Marghera, dove è presente da più di 80 anni, e coltiva l'idea di «trasformare gli ambienti in luoghi vivibili e compatibili con la socialità. Costruire sul costruito per dare all’esistente un nuovo volto, una nuova visione dell’area industriale, non più solo “produttiva” ma anche bella, sostenibile, vivibile, elegante e innovativa». Nella Heritage Tower, la Torre degli azotati, Zintek ha realizzato la copertura del livello apicale, in laminato in zinco-titanio e uno spazio dalle pareti in vetro e acciaio che ospita un’area ristoro e gode di una vista eccezionale su Venezia. La ex Torre di raffreddamento vetrocoke-azotati, spiega Zintek, «rappresenta uno dei progetti di recupero più interessanti tra quelli che stanno trasformando Porto Marghera. Era la torre di raffreddamento della zona detta ex-Agrimont, costruita nel 1938 e dismessa negli anni ottanta, è divenuta testimonianza di archeologia industriale».

Oggi, valorizzare l’ex Torre di raffreddamento vetrocoke-azotati è l’obiettivo dell’associazione Venezia Heritage Tower (Vht), start up culturale nata con un finanziamento Por Fesr della Regione del Veneto, a cui aderisce come partner anche Zintek, assieme a Pilkington-Nsg Group, Schneider Electric, Redder, Linea Light Group, Wolfsgruber, Collezione Massimo Orlandini. La torre, oggi di proprietà del Consorzio Multimodale Darsena, è posizionata in modo strategico in area retroportuale rappresentando un osservatorio d’eccezione sul lavoro e sulla cultura di impresa, con un panorama sorprendente. All’interno dello storico manufatto restaurato, unico esempio del genere in Europa, sono stati realizzati 3.000 metri quadri suddivisi in 6 piani: ambienti espositivi, didattici e congressuali. Primo esempio di “Museo d’Imprese” o museo delle eccellenze di un intero territorio erede di un patrimonio imprenditoriale e funzionale alla promozione del made in Italy.

La Cittadella dell’edilizia

La Cittadella dell’edilizia, sede dell’Associazione nazionale costruttori edili (Ance) di Venezia, è l'altro progetto di riqualificazione che mostra, scrive Ziintek, «come sia possibile fare scelte tecnologiche d’avanguardia rispettando vincoli di spazio e destinazione d’uso, ma anche come potrebbe essere la Porto Marghera del futuro: un territorio rigenerato, che richiede un piano globale nel quale i singoli interventi si uniscano per ridisegnare l’intero paesaggio architettonico». La nuova Cittadella dell’edilizia nasce nell’ambito del Piano di recupero dell’ex area Agrimont in via Banchina dell’Azoto. Il progetto ha visto il recupero e la riqualificazione di due edifici: un laboratorio in disuso e la vecchia infermeria. Nel nuovo complesso trovano spazio tre distinti organismi che fanno capo ad Ance Venezia: il Comitato paritetico territoriale (Cpt), il Centro formazione maestranze (Cfmea), con aule e laboratori didattici, e la Cassa edile, con uffici e sala del Consiglio. Vi si trovano poi una biblioteca, una sala conferenze con 165 posti a sedere e cabina di regia, un’area ristoro, mensa, bar e una terrazza attrezzata. L’edificio si caratterizza per l’uso di due materiali: il cristallo dell’ampia vetrata sud e il laminato in zinco-titanio che riveste la quasi totalità, sia all’esterno sia all’interno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Heritage Tower e Cittadella dell’edilizia, rilancio dell'area «costruendo sul costruito»

VeneziaToday è in caricamento