I violini di Vivaldi: un progetto di valorizzazione di strumenti antichi tra Venezia e Cremona

Un'iniziativa promossa dall'istituto provinciale per l'infanzia "Santa Maria della Pietà" in collaborazione con la Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari

Violino Andrea Guarneri, 1654

“I violini di Vivaldi. Venezia-Cremona, la via della musica” è un progetto che punta alla conservazione, al restauro e alla valorizzazione di strumenti antichi. L'iniziativa è finalizzata a dare nuova vita agli strumenti della collezione dell'istituto "Santa Maria della Pietà" di Venezia, riconosciuta come rarissimo complesso di strumenti barocchi. Quasi tutti i pezzi della collazione hanno cessato l’uso continuo intorno alla fine del XVIII secolo presentandosi ancora allo stato originale. 

Il progetto è stato presentato al pubblico giovedì 12 settembre presso la Chiesa della Pietà a Venezia da Maria Laura Faccini, Presidente dell’Istituto Provinciale per l’Infanzia “Santa Maria della Pietà” e da Gianluca Galimberti, Sindaco di Cremona e Presidente del Museo del Violino “Antonio Stradivari”. È seguito un concerto dei Virtuosi Italiani dove Alberto Martini, maestro di concerto, ha suonato il prezioso violino Antonio Stradivari Lam-ex Scotland University 1734. In programma ha previsto musiche di Arcangelo Corelli, Tomaso Albinoni, Antonio Vivaldi, Giuseppe Tartini.

L'iniziativa è promossa dall'istituto provinciale per l'infanzia "Santa Maria della Pietà" in collaborazione con la Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari di Cremona, la Cultural District of Violin Making Cremona, la Fondazione Cariplo, Michelangelo Foundation e la Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento