Il futuro del vetro: Paolo Vaccari rilancia Eurofibre alla Venice glass week

Martedì 8 settembre nel convegno “Il vetro tra arte salute e ambiente”, durante la Venice Glass Week, Eurofibre, azienda leader nel settore, è stata invitata a raccontare i suoi moderni processi di produzione nella creazione di isolanti in lana di vetro.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

È stata una grande opportunità e una piacevole avventura quella che ha portato Eurofibre, azienda leader nel settore della lana di vetro, a partecipare come ospite all’evento “Il vetro tra arte, salute e ambiente” promosso dall’Ordine dei Chimici e Fisici di Venezia nell’ambito della Venice Glass Week. Nella prestigiosa Aula Magna Silvio Trentin di Ca’ Dolfin, lo scorso martedì, (8 settembre ndr) Roberto Schiavetti in qualità di responsabile delle Risorse Umane, Carlotta Pra in qualità di Tecnico Commerciale e responsabile marketing e l’Amministratore Delegato Paolo Vaccari hanno raccontato alla platea la storia dell’azienda, le caratteristiche tecniche dei prodotti e l’innovativo progetto di economia circolare a marchio Eurofibre.

Proprio l’intervento del Dottor Vaccari sull’impatto ambientale del processo produttivo e sul recupero dei cascami di produzione ha affrontato il tema centrale proposto dall’evento, mettendo in risalto una volta di più l’animo green che caratterizza la storica azienda di Marcon, fondata nell’ormai lontano 1981 dal Sig. Bruno Vaccari. Il progetto Eurofibre di trattamento degli sfridi di lana di vetro ha permesso di trasformare un problema in una risorsa recuperando il 100% dei cascami di produzione: una tecnologia che attinge alle competenze locali e alla cultura della lavorazione del vetro, sapientemente progettata, sviluppata e realizzata grazie alle competenze e all’esperienza dello staff aziendale.

Il nuovo forno di recupero Eurofibre, oltre a ridurre gli sfridi di lavorazione e a garantire la continuità del processo produttivo e la qualità e le prestazioni dei prodotti realizzati, consente di ridurre l’utilizzo delle materie prime e delle risorse naturali, riduce al massimo l’impatto sul suolo delle attività estrattive e le emissioni in atmosfera derivanti dai mezzi di trasporto e dai silos di stoccaggio, e riduce l’impatto sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori derivante dall’esposizione a sostanze polverose. “In un mercato Europeo caratterizzato dall’idea di un Green Deal - ha dichiarato durante l’intervento il Dottor Vaccari - il rinnovamento di una azienda come Eurofibre passa attraverso investimenti in impianti e tecnologie, conoscenze e rafforzamento delle competenze delle risorse umane. Siamo ad un crocevia fondamentale per affrontare il mercato del futuro, sempre con un occhio di riguardo al nostro pianeta.”

Torna su
VeneziaToday è in caricamento