rotate-mobile
Attualità Spinea / Fossa

Pronto il sottopasso ciclabile alla Fossa di Spinea. «Ora studenti in bici, in sicurezza»

Infrastruttura inaugurato oggi, 9 marzo e già collaudata dal primo passaggio di alcuni ciclisti che hanno atteso il taglio del nastro per passare, salutando le istituzioni

Taglio del nastro stamattina in località Fossa a Spinea sulla nuova ciclabile aperta vicino alla rotonda, una delle ultime opere collaterali al Passante, che connette il Comune a quello di Mirano e riveste un'importanza strategica per il collegamento alle scuole superiori da parte degli studenti. Opera di Veneto Strade ha tardato a vedere la luce per via del completamento delle pompe idrauliche che necessitavano dell'ultimazione del fuonzionamento dei dispositivi elettrici per poter essere azionate.

All'inaugurazione il vicepresidente e assessore alle Infrastrutture e Trasporti della Regione Veneto, Elisa De Berti, il sindaco di Spinea Martina Vesnaver, il consigliere delegato della Città metropolitana Paolino D'Anna. Il sottopasso è una delle tre opere costituenti l’intervento di messa in sicurezza di percorsi ciclabili nel comune di Spinea. Le altre due opere già realizzate, e in esercizio dal 2020, vanno ad integrare il reticolo ciclabile comunale di Spinea e riguardano il collegamento ciclabile di via Luneo e il percorso ciclabile tra via Martiri della Libertà e via Rimini. L’infrastruttura rappresenta un importante collegamento per gli itinerari ciclabili già esistenti nel territorio: oltre a garantire infatti la connessione e la continuità delle ciclabili che collegano Mestre con Mirano e Spinea con Martellago, connesse tra loro da reciproca sussidiarietà in un equilibrato sistema di mobilità, garantisce, grazie all’eliminazione di un attraversamento semaforizzato, una maggiore fluidità del traffico. Costo delle opere di messa in sicurezza delle ciclabili a Spinea, dalle econo ie risultanti dalle 2 opere complementari al Passante di Mestre è di 3  milioni e 680 mila e costo di questa iinfrastruttura 870 mila euro.

«Questo sottopasso è un’opera attesa da tempo che migliorerà e renderà più sicuri gli spostamenti lenti e sostenibili per i cittadini di Spinea e dei paesi contermini. Costituisce un ulteriore tassello che si aggiunge a una serie di interventi infrastrutturali già realizzati per la messa in sicurezza del sistema di mobilità ciclopedonale del territorio - afferma De Berti - Il tema della sicurezza stradale è un settore di intervento particolarmente importante e oggetto di crescente attenzione per la Regione che dal 2016 ha assegnato contributi per circa 65 milioni di euro a quasi 450 amministrazioni comunali, attraverso i bandi della legge 39 del 1991. Oltre a questo, abbiamo recentemente approvato un protocollo di intesa fra Regione, concessionarie autostradali, Veneto Strade e Ufficio scolastico regionale con l’obiettivo di valorizzare le attività di prevenzione degli incidenti stradali e di diffondere la cultura della sicurezza stradale attraverso informazione ed educazione».

«Obbiettivo centrato e centrale per la nostra città, questa è un'opera buona per poter realizzare quella connessione sicura fra i servizi dei Comuni, fondamentale per il territorio. Spinea non ha le scuole superiori e gli studenti raggiungono ogni mattina Mirano per motivi di studio. Ora potranno farlo con tranquillità», ha commentato il sindaco Vesnaver. Tra i presenti anche l'assessore al Lavori pubblici di Spinea Chiara Perozzo, il sindaco di Salzano Luciano Betteto, e il consigliere regionale Jonatan Montanariello (Pd).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pronto il sottopasso ciclabile alla Fossa di Spinea. «Ora studenti in bici, in sicurezza»

VeneziaToday è in caricamento