rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Attualità Caorle

Terre di Caorle, progetto per il turismo slow nell'entroterra del Veneto orientale

Una serie di iniziative rivolte agli operatori del settore ricettivo per incentivare la scoperta di una zona ricca di natura, itinerari cicloturistici e prodotti tipici

Gli itinerari ciclistici, i prodotti tipici dell'enogastronomia, la bellezza dell'oasi naturalistica di Vallevecchia e la quiete dei paesaggi della bonifica: sono gli "ingredienti" che l'entroterra di Caorle e il Veneto orientale offrono ai visitatori interessati ad un turismo slow e green, qualcosa di più rispetto al classico binomio mare-spiaggia. Per questo il Consorzio di promozione turistica Caorle e Venezia orientale ha ideato il progetto “Terre di Caorle: colori ed emozioni del territorio”, che ha ottenuto il finanziamento della Camera di commercio Venezia-Rovigo.

Protagonisti di questa azione sono albergatori, affittacamere, gestori di agenzie, ovvero coloro che in spesso forniscono informazioni ai turisti: «È proprio l'albergatore che, chiacchierando con l'ospite, lo può consigliare sugli itinerari più interessanti e le possibilità di scoprire la laguna di Caorle con un giro in barca - spiegano i promotori - ed è sempre l'albergatore che può svelare all'ospite che i piatti serviti nella sala ristorante sono realizzati con prodotti tipici “a chilometro zero” messi in vendita da aziende del territorio».

“Terre di Caorle” si sviluppa attraverso tre iniziative: la creazione di itinerari digitali composti da mappe, testi, contenuti video e audio, come ad esempio izi.travel; l'organizzazione di tre tour esperienziali riservati agli operatori del ricettivo; la realizzazione del sito www.terredicaorle.it e altro materiale promozionale diffuso attraverso i canali di comunicazione del Consorzio e dei suoi partner, tra cui Confcommercio Portogruaro, Bibione, Caorle e Federalberghi Caorle, strada del vino e aziende partner.

I tour esperienziali consistono in una serie di itinerari cicloturistici: GiraLemene, GiraLivenza, GiraTagliamento, GiraLagune, la rete escursionistica regionale, la rete delle Ville Venete, la strada dei vini doc Lison-Pramaggiore, le produzioni agroalimentari e vinicole d'eccellenza. Questi i tre tour, tutti con partenza da Ca' Corniani: il 29 marzo "Alla scoperta del territorio”: in sella alle E-bike gli operatori del ricettivo scopriranno le bellezze paesaggistiche e culturali, oltre ai sapori tipici offerti da alcune attività, percorrendo parte del percorso “GiraLivenza”; il 30 marzo “Di là dal fiume e tra gli alberi”: escursione in barca ed E-Bike nella laguna di Caorle alla scoperta di Vallevecchia e delle peculiarità, anche gastronomiche, della Brussa di Caorle; il 31 marzo “Il sapore di un territorio”: in bici elettrica lungo l'itinerario di circa 30 chilometri che circonda le terre agricole attorno al borgo rurale di Ca' Corniani; la giornata sarà impreziosita da degustazioni di prodotti tipici e dal pranzo curato dagli studenti della scuola alberghiera “Giovanni XXIII – Lepido Rocco” di Caorle. Le date dei tre educational tour potrebbero subire delle variazioni a seconda delle restrizioni anti Covid.

«Terre di Caorle è un progetto che puntiamo a far crescere di anno in anno – spiega il presidente del Consorzio di promozione turistica Caorle e Venezia orientale, Marco Catto – Lo abbiamo ideato, grazie anche al supporto logistico e organizzativo fornito da Confcommercio e Federalberghi Caorle, con l'obbiettivo di diffondere e rafforzare l'immagine dell'entroterra del Veneto orientale come un paesaggio vivo e ricco di esperienze turistiche. Per questo riteniamo fondamentale la partecipazione degli operatori del ricettivo che rappresentano il primo contatto al quale gli ospiti della nostra località si rivolgono per conoscere le opportunità che una vacanza a Caorle può offrire in alternativa alla spiaggia. Il progetto mira inoltre a diffondere un turismo lento, rurale, destagionalizzato ed apprezzato da turisti che hanno buone capacità di spesa. Dobbiamo abbandonare il concetto di destinazione turistica limitata da confini amministrativi; ci dobbiamo muovere in un contesto più ampio, comprendendo che il turista che si sposta ed acquista in funzione dei propri interessi e non sulla base di convenzioni definite su mappe e cartine».

Terre di Caorle è un progetto del Consorzio di promozione turistica Caorle e Venezia orientale, realizzato in collaborazione con Just Good Tourism, ProLoco di Caorle, Confcommercio Caorle e Federalberghi Caorle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terre di Caorle, progetto per il turismo slow nell'entroterra del Veneto orientale

VeneziaToday è in caricamento