Anche Iuav si prepara alla ripartenza e alla ripresa delle attività

Il senato accademico ha approvato le indicazioni per la nuova fase: le informazioni su didattica, esami, accesso alle sedi

L'università Iuav ha diffuso le prime indicazioni per le prossime fasi post-isolamento, pianificando la parziale riapertura delle sedi e la ripresa delle attività in presenza. Una ripresa «a modalità mista», ha comunicato l'ateneo, con una «attenzione costante alla sicurezza della comunità Iuav, ma anche con l'intenzione di garantire la massima continuità delle attività formative, della ricerca, dei servizi». Da notare che, anche durante il lockdown, la didattica e la ricerca non si sono mai fermate: il 95% della didattica è stata condotta a distanza, l’open day virtuale ha registrato un notevole picco di accessi.

Esami e lauree

Tutti gli esami della sessione estiva si svolgeranno a distanza, con attenzione particolare agli studenti con disabilità e a quanti hanno problemi di connessione o di disponibilità di strumenti adeguati. Le lauree della sessione estiva si svolgeranno tutte in modalità telematica, con alcune possibili eccezioni per i corsi di arti e teatro che richiedono performance in presenza. Potrebbe svolgersi in presenza l'esame finale per il conseguimento del diploma dei partecipanti alla Scuola di specializzazione in beni architettonici e per il paesaggio, che coinvolge un numero ridotto di studenti.

Didattica

Durante la fase 3 alcune forme di didattica potranno svolgersi in presenza, per un numero limitato di docenti e studenti, con sistemi di prenotazione e di turnazione, sulla base della capienza delle aule. In particolare, saranno possibili iniziative di carattere seminariale e la didattica dei corsi di Master o della scuola di Dottorato.

Accesso alle sedi

Al momento funziona un sistema di prenotazione degli accessi per il personale autorizzato, con l'obiettivo di una parziale riapertura per la fase 3, in seguito al completamento della sanificazione degli edifici e degli impianti. Sono già attivi i servizi di prestito su prenotazione della biblioteca Iuav, che offre costantemente strumenti di supporto e risorse digitali utili per la ricerca e per lo studio. L’archivio Progetti potrà essere riaperto parzialmente in questa fase, con un sistema di prenotazione.

Diritto allo studio, tasse e alloggi

Una parte dei fondi stanziati dal governo per il decreto rilancio saranno destinati al diritto allo studio e all’ampliamento della no tax area. Tra le misure di sostegno per garantire maggiore inclusività, anche un incentivo economico agli studenti per l'acquisto di notebook, attivazione della fibra, secondo monitor, tavoletta grafica. È stato confermato il sistema di tassazione dello scorso anno e non sono previsti aumenti di costi per gli studenti.

Iuav continua l’impegno per agevolare la residenzialità: al protocollo firmato di recente con il Comune, Confedilizia e associazioni, con l’obiettivo di garantire canoni di affitto accessibili al mercato studentesco, si aggiungerà un nuovo accordo da proporre poi a Soprintendenza e Mibact, per riqualificare e rendere più efficienti gli immobili destinati alla residenzialità, tenendo conto degli interventi necessari (per esempio il sistema delle fognature e dell’antincendio) per poter offrire alla comunità studentesca veneziana una migliore e più ampia scelta di soluzioni abitative.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento