menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Jesolo piace, estate partita bene per turismo e commercio: "Ma non dormire sugli allori"

Soddisfazione dell'associazione albergatori e di Confcommercio, che ha espresso i pareri dei grossisti di alimenti e bevande che più di tutti hanno il polso della situazione per volumi di affari

Jesolo si riconferma località turistica ad alto gradimento anche per questa stagione estiva 2018. A confermarlo le dichiarazioni di Alberto Maschio, presidente dell'Aja, l'associazione albergatori jesolana. Sulla stessa linea l'Ascom, soddisfatta per l'andamento del commercio nella località balneare.

“I dati di giugno confermano l'ottimo grado di attrattività di Jesolo - dice Maschio -: nonostante, infatti, quest'anno non vi siano state le ricorrenze care ai turisti di lingua tedesca (Pentecoste anticipata a maggio), si sono confermati i dati di occupazione del 2017. Per quanto concerne la prima parte di luglio, si è verificata una flessione di due/tre punti percentuali. Un elemento che non desta preoccupazione per due motivi: il confronto è fatto con il 2017, annata eccezionale e probabilmente non ripetibile a quei livelli; c'è stata una ripresa del turismo nord africano. Jesolo, dunque, ha retto molto bene l'urto. Jesolo continua a essere una delle mete preferite a livello internazionale. Ma non bisogna dormire sugli allori: bisogna iniziare a lavorare su investimenti promo commerciali, che coinvolgano tutta la città".

I grossisti promuovono l'inizio di stagione

Un mese di maggio molto positivo, al di là di ogni più rosea previsione, e un giugno in leggera flessione rispetto al 2017. Ascom Confcommercio di Jesolo ha svolto un sondaggio tra il gruppo grossisti alimentari iscritti all'associazione, che rappresentano quasi la totalità dei fornitori di alimenti e bevande del litorale, per comprendere come sia andato, sotto questo profilo, il primo bimestre della stagione turistica 2018. "I giudizi sono stati unanimi - spiega il delegato, Alberto Teso –  l’estate 2018 è partita molto bene e si presenta sotto ottimi auspici, con incrementi percentuali a due cifre rispetto all'anno scorso, che ci ha dato comunque un'ottima stagione". 

Pendolari

"Un dato molto significativo è rappresentato dal fatto che i consumi si concentrano sempre di più nel fine settimana - continua Teso - è un fenomeno noto da tempo, ma si sta radicalizzando, tanto che possiamo dire tranquillamente che sotto il profilo dei consumi alimentari i fine settimana (dal tardo pomeriggio di venerdì, a domenica sera) la fanno da padrona. È un segnale molto importante, che deve essere analizzato e non potrà non influenzare le scelte future dell'economia turistica. Si tratta di decine di migliaia di pendolari, che sfuggono a qualsiasi rilevazione statistica, per cui la valutazione dei consumi alimentari durante la settimana è l'unico indice che possiamo prendere per valutare la loro incidenza sull'andamento economico. Oltre al dato empirico rappresentato dalle code chilometriche del weekend”.

“E’ indiscutibile la valenza del pendolarismo per gli esercizi pubblici nel fine settimana, ma è altresì importante il ricettivo (alberghiero ed extraalberghiero) – aggiunge il presidente di Confcommercio mandamentale, Angelo Faloppa – per fare lavorare i pubblici esercizi nei restanti giorni della settimana. Questo anche in virtù della tendenza, sempre più accentuata negli ultimi anni, di prenotare camera e colazione e consumare i pasti nei ristoranti del litorale”. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento