menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

KiShare, l'app veneziana che innova il turismo: premio dal Mibact di 10mila euro

Ottimo risultato per la startup veneziana con meno di un anno di vita che si prefigge di applicare i vantaggi della sharing economy al turismo. Secondo posto all'Accelerathon 2018

La realtà tutta veneziana Kishare si è aggiudicata il secondo posto tra gli oltre 120 progetti presentati a livello nazionale all'Accelerathon 2018 di Napoli, la gara promossa dal ministero dei Beni Culturali, organizzata da Factorympresa e Invitalia. La startup che si prefigge di applicare i vantaggi della sharing economy al turismo, è stata giudicata la seconda migliore idea innovativa nazionale e per questo è stata premiata con 10mila euro.

Unico progetto veneto finalista

A dimostrare il valore dell'idea tutta veneziana è stato il fatto che dei sette progetti veneti che hanno preso parte al concorso, solo Kishare sia stata selezionata tra le venti realtà meritevoli di aggiudicarsi la finale. Un dato che garantisce alla società un successo di rilevanza nazionale, essendo una startup con meno di un anno di vita, ma già in grado di aggiudicarsi un premio rilevante alla prima partecipazione.

La sola selezione è stata una vittoria

Tutto è nato da una comunicazione del Comune, alla quale i fondatori hanno scelto di aderire partecipando al concorso. "L'iniziale gioia - spiega Danilo Costantini, uno degli otto soci fondatori, - è stata data proprio dal passaggio della prima scrematura: il 17 e il 18 maggio scorsi siamo andati a Napoli invitati all'Accelerathon 2018 dove abbiamo preso parte ad un corso intensivo di 36 ore su come rendere migliore il nostro progetto e come presentarlo correttamente ad una giuria. Già quella per noi è stata una vittoria, dato che il corso sarebbe costato normalmente 1500 euro". Da lì Kishare è stata presentata alla giuria, composta da membri del Mibact e delle istituzioni locali, che ha riconosciuto le doti di innovazione nei campi richiesti dal concorso: smart city, mobilità e accoglienza in ambito turistico.

"Secondo posto, una soddisfazione enorme"

"Il secondo posto - prosegue Costantini - è stata una soddisfazione enorme: se già ricevere la mail di essere stati selezionati è stato un successo, essere riconosciuti come capaci di innovare in un settore complesso come quello del turismo è un ulteriore traguardo per una realtà che non ha nemmeno un anno".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento