Lavoratori stagionali extracomunitari: «A Venezia 20 persone. Ridicolo»

Agricoltori: «Lotta al caporalato e decreto flussi: occorre chiarire la contraddizione. Rischiamo di aprire le porte allo sfruttamento»

Lavoratori agricoli, archivio

Quote d'ingresso per i lavoratori extracomunitari stagionali per il 2019: è polemica. «Lotta al caporalato e decreto flussi, occorre chiarire la contraddizione - afferma Paolo Quaggio, presidente Cia, Agricoltori veneziani -, di fronte a un totale italiano di 18.000 ingressi consentiti, alla provincia di Venezia ne sono stati assegnati 20. In una realtà come la nostra, con le attività turistico-ricettive delle spiagge, questo numero diventa insignificante».

La domanda

«Qualche giorno fa la Prefettura ha diffuso il dato - dice Quaggio -. In una provincia come la nostra, con le attività turistico-ricettive delle spiagge, da Jesolo a Sottomarina, senza contare gli 8 milioni di turisti che ogni anno alloggiano negli alberghi della sola Venezia, questo numero è irrisorio. Venti persone per bar, ristoranti, alberghi, spiagge. E le imprese agricole, che sono anch’esse fortemente condizionate dalla stagionalità? Siamo in fase di semina di colture e raccolta di altre. Tra poche settimane comincerà la vendemmia. Se è vero che da una parte riusciamo a coprire la richiesta con l’impiego di lavoratori comunitari (come avviene per esempio al Cavallino con braccianti dell’Europa dell’est), dall’altra si preclude alle aziende la possibilità di utilizzare le opportunità offerte dal decreto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pericolo sfruttamento

Quaggio ricorda che la Cia, insieme alle altre associazioni agricole, ha firmato con la Regione Veneto un protocollo per il contrasto al caporalato. «I numeri del decreto flussi purtroppo cozzano con la realtà. Con sempre meno posti stagionali regolari, rischiamo di aprire le porte allo sfruttamento, il legame con gli infortuni sul lavoro diventa poi inevitabile. È un esempio di come la burocrazia e i provvedimenti ostacolino il lavoro quotidiano delle imprese agricole. Ormai da un anno sono stati aboliti i voucher, strumento di valido ausilio all’emersione del lavoro sommerso e che si è rivelato di fondamentale importanza per molte forme di lavoro stagionale: non sappiamo più come affrontare la situazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

  • Fiori d'arancio in casa Panatta: Adriano sposa la sua Anna a Venezia

  • Incidente tra mezzi pesanti in A4, due persone ferite

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento