rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità Chioggia / Isola Verde

Tre milioni e mezzo per la sicurezza di Isola Verde, al via i lavori. Bottacin: «Pronti per la prossima stagione»

Due gli interventi della Regione, il primo da 1,3 milioni e l'altro da 2,1, in un sito di interesse naturalistico e turistico che negli ultimi anni ha subito un deterioramento anche a causa delle mareggiate autunnali

Al via i lavori per la sicurezza idraulica a Chioggia, Isola Verde, tra le foci dei fiumi Brenta e Adige, in un sito di interesse naturalistico e turistico, lembo che negli ultimi anni ha subito un deterioramento a causa dello scarso apporto solido litoraneo e ripetute erosioni, sia di lungo che di breve termine, come quelle causate dalle intense mareggiate autunnali. L'investimento è di 3 milioni e mezzo di euro per due interventi la cui conclusione è prevista entro l’inizio della stagione balneare 2022.

«Per il primo intervento abbiamo stanziato 1,3 milioni di euro – spiega l’assessore al Dissesto idrogeologico, Gianpaolo Bottacin - e riguarda nello specifico una serie di opere di difesa che completano il primo stralcio realizzato nel 2018, grazie al quale si era provveduto a eseguire un prolungamento soffolto dei sette pennelli trasversali esistenti sul litorale di Isola Verde. I nostri uffici del genio civile, in settimana hanno dato il via alle opere di difesa sul litorale marittimo». L’entroterra di Isola Verde è, infatti, caratterizzato da aree destinate ad usi agricoli e turistico-ricreativi, salvaguardate da una limitata formazione forestale e da cordoni dunosi affacciati sull’arenile, decisivi per la difesa idrogeologica e per prevenire fenomeni di ingressione marina.

«Il secondo intervento, che partirà invece la prossima settimana e per il quale abbiamo impegnato oltre 2,1 milioni di euro – prosegue l’assessore -, prevede l’integrazione della berma soffolta del primo stralcio con la parte emersa su ognuno dei sette pennelli trasversali già presenti. I lavori verranno svolti da mare e prevedono la realizzazione di due “baffi” di 80 metri ciascuno incardinati sulla testata del pennello esistente per formare una “Y” in ognuno dei pennelli presenti sul litorale di Isola Verde, utilizzando sassi per la formazione del mantello e delle berme e per l’implementazione del nucleo del pennello. Si tratta di un intervento – conclude Bottacin – con cui puntiamo ad aumentare sensibilmente la sicurezza e la resilienza del nostro litorale».

«Finalmente la giunta si è decisa ad agire per la messa in sicurezza del litorale di Chioggia. Le tante battaglie fatte in aula, con emendamenti e ordini del giorno, hanno convinto la Regione a passare ai fatti - commenta Jonatan Montanariello, consigliere del Partito Democratico a palazzo Ferro Fini - Altre volte abbiamo sentito citare studi e progetti senza che ci fossero poi i finanziamenti, anche intercettando le risorse del Recovery Plan, e così le nostre proposte venivano bocciate. Adesso, seppur in ritardo, finalmente qualcosa si è mosso».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre milioni e mezzo per la sicurezza di Isola Verde, al via i lavori. Bottacin: «Pronti per la prossima stagione»

VeneziaToday è in caricamento