menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavori di pubblica utilità per 33 persone a rischio povertà tra Venezia e Marcon

È il progetto Venezia-Lpu. Lavoratori impiegati nelle biblioteche, nei musei e nelle aree verdi. Venturini: «Promuoviamo l'occupabilità e diamo servizi in più alla collettività»

Sono 33 le persone coinvolte nel progetto "Venezia-Lpu", un percorso di lavori di pubblica utilità svolto da chi è escluso dal mercato del lavoro e quindi si trova in difficoltà economiche. Di questi, 28 nel comune di Venezia e 5 a Marcon. Hanno sottoscritto un contratto a tempo determinato di 6 mesi con orario part-time e, inoltre, patecipano ad azioni di orientamento e di ricerca attiva del lavoro. Sono coinvolte prevalentemente persone già seguite dai Servizi sociali, con le quali gli operatori hanno realizzato piani di sostegno personalizzati.

Lavoratori e servizi sociali

Il punto della situazione è stato fatto dall'assessore alla Coesione sociale del Comune di Venezia, Simone Venturini: «L'intento è promuovere l’occupabilità sociale, cioè la capacità delle persone di essere occupate o di saper cercare attivamente, trovare e mantenere un lavoro. L’amministrazione ha beneficiato di interventi di miglioramento dei propri servizi e sono state realizzate attività che non avrebbero potuto essere svolte con le normali dotazioni organiche, perché si caratterizzano per un basso livello di specializzazione e sarebbero risultate particolarmente onerose se acquistate nel mercato».

Gli impieghi

I lavoratori coinvolti dal Comune di Venezia stanno svolgendo attività nei diversi servizi (in particolare esecuzione logistica, Biblioteca Vez, Musei Eba, Centro culturale Candiani), all’Istituzione Bosco e Grandi Parchi, alla Fondazione Forte Marghera e a Veritas, e sono impiegati in giardinaggio di aree pubbliche, servizi ambientali e di sviluppo del verde, attività di riordino, inventariazione e catalogazione di materiale d’archivio, sgombero e trasferimento locali e supporto agli uffici in fase di riorganizzazione e spostamento, supporto tecnico e amministrativo. I contratti sono partiti dall’1 marzo e termineranno il 31 agosto 2019. Il progetto è finanziato dalla Regione Veneto con quote di co-finanziamento dei Comuni di Venezia e Marcon, per un totale di oltre 250mila euro. È stato curato dal Settore agenzia per la coesione sociale con il coinvolgimento della cooperativa Co.Ge.S, delle cooperative sociali Libertà, Sarha e Non Solo Verde del Consorzio Cooperative sociali Zorzetto, e in collaborazione con il Comune di Marcon.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento