menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Appalti pubblici, affidamento diretto fino a 150mila euro: «Ma serve trasparenza»

Innalzata la soglia per l'affidamento diretto di appalti con la Legge di Bilancio 2019

Con l’approvazione definitiva della Legge di Bilancio 2019, è entrata in vigore la norma sull’innalzamento della soglia per l’affidamento diretto degli appalti pubblici da 40 a 150mila euro. La modifica al Codice dei contratti rappresenta un barlume di speranza per gli artigiani. È stato stimato, infatti, che nel 2019 solo in Veneto saranno sbloccati lavori pubblici per circa 700 milioni di euro. Confartigianato Imprese Veneto Orientale ritiene positiva questa manovra, che permetterà al settore edilizio di avere una spinta in più per uscire dalle sabbie mobili nelle quali è paralizzato da tempo.

Lavori senza gare 'dappalto fino a 150mila euro

«Questa disposizione - commenta Siro Martin, presidente di Confartigianato Imprese Veneto Orientale - consente alla pubblica amministrazione di affidare più agevolmente lavori senza gare d’appalto fino alla soglia di 150mila euro. È un’opportunità che potrà risolversi in vantaggio per le nostre imprese, che potranno così intraprendere la via di una possibile ripresa. Sarà necessario avere fiducia negli enti, ai quali chiediamo di assicurare trasparenza, e semplicità per l’iscrizione all’Albo Fornitori, con criteri di rotazione ben definiti, per garantire la pluralità di mercato, nella scelta delle imprese».

La lettera ai sindaci

«Proprio in questi giorni abbiamo infatti scritto ai sindaci del Veneto Orientale una lettera - prosegue Martin -  in cui chiediamo vengano fornite indicazioni circa l’esistenza o meno di un apposito elenco dei fornitori e le relative indicazioni sulle procedure adottate per gli affidamenti». Questo consentirà di ottenere una funzionale mappatura delle prassi e procedure adottate dalle amministrazioni permettendo poi anche alle associazioni di categoria di contribuire alla divulgazione capillare a vantaggio del tessuto economico del territorio.

Scuole, strade e edifici pubblici

«Abbiamo ad esempio già riscontrato il positivo interesse e la piena disponibilità dell’Amministrazione comunale di Portogruaro - conferma Umberto Pizzinato, direttore di Confartigianato Imprese Veneto Orientale - per organizzare a breve un apposito incontro rivolto alle imprese, in cui verranno fornite molte utili indicazioni operative». A confermare l’importanza della promozione di queste iniziative di informazione, è di questi giorni la notizia dei contributi aggiuntivi messi a disposizione dalla Legge di Bilancio 2019 e destinati alla messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici, di tutti i Comuni fino a 20mila abitanti: 40mila euro per quelli fino a 2000 abitanti, 50mila euro per quelli che hanno tra 2 e 5mila, 70mila euro per i comuni tra i 5 e 10mila abitanti e 100mila euro per quelli con popolazione da 10 a 20mila. Per usufruire di tali contributi gli enti dovranno iniziare l’esecuzione dei lavori entro il 15 maggio 2019, pertanto è fondamentale che questi ultimi e le imprese non si facciano sfuggire questa opportunità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento