Martedì, 18 Maggio 2021
Attualità

Lettera di Brugnaro per le elezioni di rinnovo delle Rsu in Comune: "Grave interferenza"

Il sindaco lunedì ha inviato una lettera a tutti i dipendenti, chiedendo di non votare per i "signor no". Giordano (Cgil): "La linea della giunta sarà sconfessata". Urne aperte 3 giorni

"Nei prossimi giorni sarete chiamati a un importante appuntamento di democrazia". Polemica sulla lettera che il sindaco Luigi Brugnaro ha inviato ai dipendenti del Comune di Venezia nella giornata di lunedì tramite l'intranet di Ca' Farsetti: da martedì e giovedì si tengono le elezioni per rinnovare le rappresentanze sindacali in Comune e il primo cittadino alla vigilia si è apertamente schierato "contro i 'signor no' e contro i 'rancorosi' che hanno scelto di mettersi all’angolo, di alzare l’asticella dello scontro, pur di trovare una sorta di legittimazione alla propria esistenza o per mantenere piccoli privilegi e rendite di posizione". 

Brugnaro a favore della Cisl

Anche senza citarli, nel mirino finiscono i sindacati che nelle ultime settimane non hanno firmato l'intesa sulle questioni economiche riguardanti il contratto integrativo dei dipendenti: "Solo grazie alla responsabilità di quanti, pochi, alla fine, hanno avuto coraggio di firmare e di metterci la faccia, per il 2018 abbiamo integrato il massimo delle risorse, così verranno redistribuiti 5,2 milioni di euro a tutto il comparto. Questa è la verità". Senza citarla, Brugnaro con queste parole tira la volata alla Cisl, che ha siglato l'intesa mentre tutte le altre rappresentanze non si sono presentate all'appuntamento (meno i Cobas, che comunque non hanno firmato).

Giordano: "La linea della giunta sarà sconfessata"

Parole cui non è mancata la controrisposta di Daniele Giordano, segretario Fp Cgil: "Brugnaro ha appena inviato una lettera a tutti i lavoratori in cui nei fatti invita a votare il sindacato che sostiene la sua visione - attacca - E’ l’ennesima intromissione nel voto democratico del padrone che non accetta che tutti possano votare liberamente. Siccome sappiamo tutti come si chiama il sindacato del padrone in Comune l’obiettivo è sicuramente quello di consegnare a quella sigla la maggioranza della Rsu. Se così non fosse dopo questa 'brillante' spinta a poche ore dal voto qualcuno dovrà rendersi conto che a essere bocciata non sarà quell’organizzazione sindacale ma la linea di questa giunta".

Pellicani (Pd): "Interferenza in un voto libero"

Critico anche il consigliere comunale del Partito Democratico (neo parlamentare), Nicola Pellicani: "Il sindaco sembra aver confuso le elezioni per il rinnovo delle Rsu con le elezioni amministrative - commenta - La lettera inviata ai dipendenti comunali si configura come una vera e propria interferenza in un voto che deve svolgersi in modo libero. Brugnaro appare sempre più nervoso. Sono passati quasi tre anni dall'inizio della sua amministrazione senza che si veda alcun risultato concreto. Continua ad evocare un buco di bilancio che tutti hanno ormai capito che non c'è mai stato, solo grazie ai governi di centrosinistra il Comune di Venezia può contare oggi su una quantità di risorse che non aveva da alcuni decenni. Più di 400 milioni che derivano dal Patto per Venezia; 280 dal rifinanziamento della Legge Speciale; 55 dal Bando per le periferie. Il problema è che ora i soldi bisogna saperli spendere".

Scano (M5S): "Comportamento inqualificabile"

"Un comportamento inqualificabile, scorretto e, a tratti, ridicolo il Sindaco non deve occuparsi, in alcun modo, della campagna elettorale dei sindacati, per l'elezione delle RSU - commenta il consigliere M5S Davide Scano - Affibbiare nomignoli o colpe presunte nella gestione della macchina comunale a questa o quella sigla sindacale, per favorirne forse un'altra è un comportamento gravissimo, specie se posto in essere dal primo cittadino che, per legge, è "datore di lavoro" di tutti quanti i dipendenti, indistintamente. Nella sua lettera parla poi di sacrifici ma non cita i precari che ha lasciato a casa, cioè quelli che hanno pagato il sacrificio più alto, mentre invece i dirigenti sono rimasti tutti al loro posto e continuano anzi le assunzioni "sulla fiducia" per il turnover".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lettera di Brugnaro per le elezioni di rinnovo delle Rsu in Comune: "Grave interferenza"

VeneziaToday è in caricamento