Attualità

Linea Chioggia-Rovigo, «cattive notizie dalla giunta regionale»

La risposta all'interrogazione dei consiglieri Baldin e Montanariello conferma la possibilità della sostituzione dei treni con autobus nelle ore di "morbida"

Non ci sono buone notizie sul futuro della ferrovia Chioggia-Rovigo, che nei prossimi anni rischia di subire il taglio di una parte dei treni e la loro sostituzione con un servizio di autobus: la giunta regionale, rispondendo ad un'interrogazione della consigliera Erika Baldin (M5s) e Jonatan Montanariello (Pd), conferma di fatto che lo sviluppo della linea non rientra tra le priorità della maggioranza. «È un vero peccato - commenta Baldin - perché non penso che sui servizi pubblici dovrebbero esserci bandiere di partito. Così come non vorrei che ci fossero in Veneto cittadini di serie A e di serie B».

La Chioggia-Rovigo «è la cenerentola delle ferrovie venete», dice Baldin, che parla di promesse non mantenute e nessun investimento concreto sulla linea negli ultimi anni. E ora si conferma il rischio, replicato oggi dalla giunta in risposta all'interrogazione, del passaggio da ferro a gomma nelle ore di "morbida" con la nuova gara europea. «Il tutto a scapito dei pendolari, che dopo anni di disservizi, ritardi, stazioni degradate e addirittura principi di incendio, ora si vedranno aumentata la lunghezza dei percorsi e del tempo di viaggio. Per non parlare poi degli effetti sul traffico stradale».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Linea Chioggia-Rovigo, «cattive notizie dalla giunta regionale»

VeneziaToday è in caricamento