rotate-mobile
Attualità

«Poche iscrizioni ai corsi di laurea, gli infermieri stanno diventando dei fantasmi anche nel veneziano»

L'allarme lanciato dalla Uil: «Risulta che sono solo poco più di 800 le domande presentate all’università di Padova come opzione di prima scelta»

«I dati delle preiscrizioni ai corsi di laurea per l’anno accademico 2023-2024 nelle due facoltà di Medicina e Chirurgia di Verona e Padova sono assolutamente preoccupanti, ed è realmente a rischio la tenuta di tutto il sistema socio sanitario». La Uil e la Uil Fpl di Venezia lanciano l'allarme sulla carenza di professionisti infermieri, sottolineando come come sono complessivamente 1.984 i posti disponibili nelle due facoltà (1.050 e 604,m ai quali si sommano i 150 posti di Trento e i 130 di Bolzano), ma i dati delle immatricolazioni, come prima scelta, preoccupano. Il numero massimo di posti per corso di laurea nelle diverse sedi gestite dall’università di Padova, come le preiscrizioni per la sede di Mestre/Mirano è pari al 65% dei posti disponibili (130 su 200), mentre quello della sede di Portogruaro è addirittura del 32% (32 su 100).

Poco più di 800 domande di preiscrizione a Padova come prima scelta

«Lo scorso 4 settembre - affermano Igor Bonatesta e Francesco Menegazzi, rispettivamente coordinatore provinciale di UIL Veneto-Venezia e segretario generale Uil Fpl di Venezia - sono scaduti i termini per le preimmatricolazioni e risulta che sono solo poco più di 800 le domande presentate all’università di Padova come opzione di prima scelta, pari a circa l’80%, ma il fabbisogno risulta comunque sottodimensionato, poiché le esigenze di turn-over di infermieri per i prossimi anni ricomprende non solo la sanità pubblica, ma anche gli ospedali privati e le case di riposo, che sono al collasso». «Un dato che preoccupa ulteriormente – hanno detto -  se pensiamo che non è garantito che tutti coloro che iniziano questo percorso di studi lo portino a termine: vuoi perché si ritirano anzitempo, vuoi perché negli anni successivi gli studenti provano ad iscriversi ad altri corsi universitari, medicina per prima, ma anche fisioterapia, tecnico di radiologia, ecc. Ne consegue che, in media, gli infermieri laureati dopo tre anni sono circa il 30% in meno di quelli iscritti».

«È  uno scenario che non è mai stato così preoccupante»

Solo quest’anno sono stati incrementati di circa 4mila i posti disponibili in tutta Italia dall’anno accademico 2023-2024. Gli studenti optano, quindi, con più facilità per un percorso di studi che dura sicuramente di più, ma inevitabilmente più redditizio a lungo termine. Nell'Ulss 3 Serenissima sono circa 3.380 gli infermieri in servizio (a fronte di un fabbisogno di 3520), e poco più di mille in Ulss 4. A questi vanno aggiunti coloro che lavorano nei cinque ospedali Privati (Villa Salus, Policlinico San Marco, Fatebenefratelli, IRCSS San Camillo e Casa di Cura Rizzola) oltre alle circa 40 Ipab e case di riposo gestite da cooperative. Da un'analisi della Uil mancano non meno di 150-200 unità per continuare a garantire il rispetto dei minimi assistenziali. «È  uno scenario che non è mai stato così preoccupante. Gli infermieri stanno diventando dei fantasmi anche nel veneziano - hanno continuato Bonatesta e Menegazzi -. Il proliferarsi dei centri di medicina privati nel territorio rischia di dare il colpo di grazia alla tenuta del sistema. Bene parlare di ospedali di comunità, ma bisogna prima essere davvero pronti con il personale infermieristico. Dobbiamo impegnarci tutti per dare una svolta positiva a questo scenario attualmente allarmante. C’è bisogno di investire di più sul personale. C’è la necessità di garantire stipendi adeguati attraverso contratti di lavoro realmente appetibili. C’è bisogno di continuare a investire sul sistema salute da parte dello Stato, ma anche della nostra Regione Veneto con cui rimane aperto il tavolo di confronto».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Poche iscrizioni ai corsi di laurea, gli infermieri stanno diventando dei fantasmi anche nel veneziano»

VeneziaToday è in caricamento