Al via la due giorni di "giochi d'acqua" contro le grandi navi: il clou domenica alle Zattere

Alle 15 di sabato i NoNav si ritroveranno ai Magazzini del Sale per una assemblea dal nutrito ordine del giorno. Alle 16 di domenica la manifestazione vera e propria

Al via la due giorni di mobilitazione in laguna del comitato No Grandi Navi di Venezia. Sabato, a partire dalle 15, spazio all'assemblea nazionale dei comitati contro le grandi opere e per la giustizia ambientali ai Magazzini del Sale, poi il clou domenica pomeriggio a aprtire dalle 16, con la mobilitazione alle Zattere.

L'assemblea di sabato

L'ordine del giorno di sabato è vario ed articolato, dal «balbettio sul Tav del nostro ministro delle infrastrutture, secondo cui l'opera andrebbe ora "migliorata" e non più cancellata», passando per le recenti dichiarazioni dello stesso Toninelli sulle grandi navi in laguna e la situaizone del Mose, «opera obsoleta che è già costata alle nostre tasche oltre 5 miliardi, "bruciandone" uno e mezzo in corruzione, per la quale la solfa del ministro è la solita: "Noi l'opera non l'avremmo fatta, ma adesso che c'è non può essere messa in discussione"».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I "giochi in acqua" di domenica

Domenica pomeriggio ci sarà poi il clou della due giorni, con "I giochi d'acqua contro le grandi navi e le grande opere", durante la quale gli attivisti torneranno a manifestare, per dimostrare che la città è ancora viva: «Venezia non è ancora sfiancata dal suo sindaco che la vorrebbe trasformata in un parco a tema con tanto di tornelli, -spiegano gli attivisti - non ancora soggiogata dalla pericolosa retorica del governo giallo-verde che incita alla guerra tra i poveri, mentre le ingiustizie reali che affliggono i nostri territori rimangono inaffrontate. Al contrario, tornare in acqua contro le navi, farlo in tante e tanti, con gioia, significa mostrare al mondo che Venezia è ancora luogo di legami sociali forti, in grado di chiedere ed ottenere il rispetto della propria città dal punto di vista ambientale, sociale e culturale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un nuovo mini focolaio di coronavirus in una casa di riposo di Mestre: anziano all'ospedale

  • Gli aggiornamenti sui casi di coronavirus

  • È stato inaugurato il bicipark di piazzale Roma

  • Il turismo in Veneto sta andando male, dice Federalberghi

  • Scoperto un traffico di ragazze schiavizzate e costrette a prostituirsi in strada

  • Gli aggiornamenti sul coronavirus in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento