menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marginamenti a Marghera, bonifiche, fognature: il piano degli interventi ambientali in laguna

Venticinque milioni di euro sbloccati nell'ambito della Legge speciale da utilizzare per la tutela del bacino scolante

È stato annunciato dalla Regione Veneto il piano dettagliato degli interventi previsti a tutela del bacino scolante della laguna, fondi che serviranno a realizzare o completare opere di particolare valenza ambientale, oltre che concorrere alla sicurezza idraulica del territorio. Sono 25 milioni di euro, con la quota principale (15,8 milioni, a valere su trasferimenti del ministero dell'Ambiente) destinata a Porto Marghera, e per la precisione al completamento dei marginamenti del tratto prospiciente la centrale Enel: a occuparsi dei lavori sarà Veneto Acque SpA.

Bonifiche, reti fognarie, monitoraggio

Due milioni e mezzo serviranno a concludere gli interventi di bonifica ambientale del sito ex Nuova Esa di Marcon, opera sempre a cura di Veneto Acque SpA; in programma poi il completamento dell’estensione al Bacino Cavallino della circolazione di acqua dolce proveniente dal Bacino Ca’ Gamba, per un importo di 1,2 milioni: in questo caso il soggetto attuatore sarà il Consorzio di Bonifica Veneto Orientale. Ancora: il completamento della rete di fognatura a Malcontenta, per un importo di oltre 1,6 milioni, a carico di Veritas; nonché la prosecuzione per il triennio 2019-2021 delle attività di monitoraggio ambientale nel bacino scolante e in laguna, anche per il controllo di criticità emergenti (mercurio, PFAS, fitofarmaci, eccetera): spesa prevista circa 1,1 milioni, competente Arpav. I fondi toccano anche la provincia di Padova: 2,5 milioni per il completamento dell’impianto idrovoro sul canale Altipiano in comune di Codevigo e 220mila euro per il saldo finale di interventi di adeguamento delle fognature di Vigonza, Trebaseleghe e Cadoneghe.

Ampio pacchetto di interventi

I fondi rientrano nell'ambito di una manovra con cui la giunta regionale ha sbloccato finanziamenti per circa 73 milioni di euro complessivi, che finora non era stato possibile utilizzare a causa dei vincoli imposti dalle norme di bilancio statali. «Grazie a questa manovra - spiega l’assessore regionale Roberto Marcato - sarà possibile eseguire o completare lavori che incidono sul disinquinamento delle acque ed sul risanamento della laguna di Venezia e del suo bacino scolante. Per sbloccare questi fondi, sul piano tecnico-contabile la giunta veneta ha proceduto alla loro reiscrizione nel bilancio regionale per il corrente esercizio finanziario, mediante l’utilizzo della quota accantonata del risultato di amministrazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento